16 Dicembre Dic 2016 1850 16 dicembre 2016

Vuole riunire la sinistra francese

Dopo la rinuncia della senatrice socialista Marie-Noëlle Lienemann, Sylvia Pinel è l'unica candidata di sesso femminile alle primarie dello schieramento politico di tendenza progressista. Ecco chi è.

  • ...
Sylvia-Pinel-

Dopo la rinuncia della senatrice socialista Marie-Noëlle Lienemann, tra i primi a presentarsi, nella lista ufficiale dei candidati alle elezioni presidenziali compare il nome di una sola donna: Sylvia Pinel. 

GLI INIZI
Nata nel settembre del 1977 a L'Union, ha studiato diritto privato ed europeo all'Università di Limoges per poi iniziare a fare politica a fianco di Jean-Michel Baylet, presidente del PGR (partito radicale di sinistra). Nel 2007, non ancora 30enne, è stata eletta deputato della seconda circoscrizione del dipartimento di Tarn-et-Garonne, nel sud della Francia. Nel 2012 è stata nominata ministro dell'artigianato, del commercio e del turismo e nel 2014, durante il governo Valls I, ministro degli alloggi e dell'uguaglianza territoriale. A febbraio 2016 ha lasciato il suo incarico per dedicarsi al posto di vicepresidente dell'Occitania e a settembre è stata eletta presidente del PRG.


LA CANDIDATURA
In una lettera condivisa sul suo profilo Twitter, Pinel, oggi 39enne, ha spiegato i motivi della sua candidatura alle primarie, candidatura confermata subito dopo la rinuncia di Hollande. «La sinistra, ormai priva di un candidato uscente, ha bisogno di scegliere una personalità capace di riunirla e creare un progetto per il futuro del nostro Paese», ha affermato. E ha aggiunto: «Per questo senso di forte responsabilità, portiamo la nostra pietra per la costruzione di una vera riunificazione della sinistra e desideriamo inaugurare una dinamica di vittoria per la stessa».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso