6 Dicembre Dic 2016 1440 06 dicembre 2016

La donna che Cazeneuve sposò due volte

Chi è Veronique, la moglie del nuovo primo ministro francese Bernard Cazeneuve. I due, che avevano divorziato nel 2012, si sono riuniti in matrimonio il 12 agosto 2015.

  • ...
veronique-cazeneuve

C'è anche Manuel Valls tra i candidati in corsa per le primarie socialiste in Francia. Il primo ministro francese ha consegnato le sue dimissioni lasciando il posto a Bernard Cazeneuve, (ormai ex) ministro dell'Interno. Il nuovo premier e François Hollande sono molto vicini, e non solo politicamente. Il 12 agosto 2015, quando Cazeneuve sposò per la seconda volta Veronique, madre dei suoi due figli (dalla quale aveva divorziato tre anni prima), il presidente della Repubblica era presente. Il matrimonio era stato celebrato in grande riservatezza.

LA CARRIERA
L'ex-ex moglie del nuovo primo ministro francese ha studiato letterature comparate all'Università Paris IV. Dopo la formazione ha insegnato per alcuni anni, per poi darsi al mondo dell'editoria, sua grande passione. Attualmente è responsabile della casa editrice A dos d'âne, creata nel 2009, che pubblica opere dedicate all'infanzia. In un'intervista concessa a un blog di studenti dell'Università di Cergy-Pontoise, la signora Cazeneuve ha parlato del suo amore per la letteratura per bambini: «È un dominio che mi piace molto, avevo in mente di creare una casa editrice di questo tipo da molto tempo». L'avventura editoriale è iniziata con una collana di brevi biografie di personalità contemporanee, dalla musica, al cinema, alla scienza, dedicata a giovani dagli 8 ai 12 anni. Un modo per «aprire nuovi orizzoniti ai bambini».

LA POLEMICA
Nata nel 1961, Veronique è una donna particolarmente discreta: non ha mai vissuto sotto i riflettori né mai concesso una intervista ai grandi media. Di recente è stata però al centro di una polemica mediatica, lanciata da Le Point, relativa ai suoi autisti: il giornale segnalava che la moglie dell'allora ministro dell'Interno aveva ben tre chaffeurs a sua disposizione. Il gabinetto del ministero dell'Interno aveva però parzialmente smentito la notizia, precisando che la signora Cazeneuve ha «per ragioni di sicurezza la possibilità di mobilitare un veicolo così come un poliziotto armato, protezione minima nel contesto attuale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso