22 Settembre Set 2016 1834 22 settembre 2016

Tu chiamala se vuoi ossessione (per la Boldrini)

Dopo averla definita «il nulla fatto donna» e averla paragonata a una bambola gonfiabile, in un post su Facebook Matteo Salvini torna a offendere la presidente della Camera.

  • ...
Matteo Salvini


«Chi non viene è una #boldrina». Con queste parole, in un post pubblicato su Facebook, Matteo Salvini ha chiuso il messaggio nel quale invita (annunciando la sua presenza) i suoi 'fan' a partecipare alle prossime feste del partito. Non di certo il primo insulto che la il leader della Lega rivolge alla Presidente della Camera.

LE VOLTE DI MATTEO
La sua 'prima volta' era stata nel dicembre 2015 quando, durante un tour elettorale, aveva definito la Boldrini la«peggiore presidente della Camera della storia». E, rincarando la dose, aveva aggiunto: «È l'ipocrisia, il nulla fatto donna». Già in quella occasione gran parte del mondo politico gli si era scagliato contro. Dal presidente del Senato, Pietro Grasso, che aveva commentato l'accaduto su Twitter dicendo che quelle di Salvini erano solo «offese gratuite», a Rosi Bindi, che aveva descritto quello del leghista un «insulto volgare e inaccettabile». Nel mese di luglio 2016, invece, lo show è stato 'live'. Durante un comizio in provincia di Cremona, Matteo, con un coro da stadio in sottofondo e indicando una bambola gonfiabile giunta apposta per l'occasione, ha detto: «C'è la sosia della Boldrini qui». Ovviamente, anche in quel caso, l'offesa gratuita non ha sortito la stessa ilarità nell'ambiente politico e in gran parte del pubblico presente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso