18 Agosto Ago 2016 1905 18 agosto 2016

La paralimpica dell'intimo

La 19enne australiana Rae Anderson è la prima donna disabile a diventare testimonial di un brand di biancheria. Ora l'aspettano le competizioni nel disco e nel giavellotto a Rio 2016.

  • ...
rae anderson 1 - Copia

I giochi olimpici di Rio 2016 non finiscono il 21 agosto. Continuano a settembre, dal 7 al 18 dello stesso mese. Come giochi paralimpici. Ad affrontarsi, atleti affetti da disabilità più o meno gravi e che però non per questo hanno voluto rinunciare alle gioie dello sport e di una competizione sana e pulita. Tra loro, un'australiana 19enne, Rae Anderson. Che non è solo un'atleta, ma anche la prima donna australiana disabile a diventare testimonial di un brand di intimo.

DAL GIAVELLOTTO ALL'INTIMO
Rae Anderson è originaria della cittadina di Terrigal, a nord di Sydney, ed è affetta dalla paralisi cerebrale, a causa della quale un tempo era costretta a usare una sedia a rotelle, come riporta Buzzfeed. Sedia che, però, è ormai un ricordo del passato. Perché Rae gareggerà a Rio 2016 nel lancio del disco e del giavellotto. La sua ostinazione ha attirato l'attenzione di Modibodi, che l'ha scelta come testimonial. Rae ha accettato subito la proposta della casa di intimo, perché vuole lanciare un segnale a tutte le donne che non accettano tante piccole cose di sé.

LA LUNGA LOTTA
Di emancipazione Rae può parlare a buon diritto. A 10 anni aveva già affrontato tre operazioni chirurgiche e numerose terapie. Inoltre, l'attività sportiva non le ha impedito di continuare a studiare (lingue, nello specifico). «Le persone non devono sottostare alle idee imposte dalla società. Le persone devono essere libere di fare ciò che vogliono ed essere sé stesse».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso