2 Agosto Ago 2016 1919 02 agosto 2016

Viktoria rimandata (a casa)

L'azzurra Orsi Toth del beach volley è risultata positiva all'antidoping ed è stata squalificata. Per lei niente Olimpiadi. In coppia con Marta Menegatti aveva buone possibilità di centrare una medaglia.

  • ...
orsi toth

La delegazione olimpica azzurra si è svegliata vivendo un incubo. Nella mattinata del 2 agosto si è infatti sparsa la voce che una pallavolista era risultata positiva ai controlli antidoping e, una volta appurato che non si trattava di una delle ragazze dell'Italvolley, il cerchio si è ristretto fino a che non è saltato fuori il nome dell'atleta che non ha superato il test: Viktoria Orsi Toth, giocatrice di beach volley, risultata positiva a un anabolizzante, il Clostebol Metabolita, uno steroide simile al testosterone. «Sono davvero dispiaciuto, è stata una leggerezza da parte di una ragazza di 25 anni. Si tratta di una pomata presa senza sentire i medici federali», ha commentato il presidente della Fipav, Carlo Magri. Subito sospesa dal Tribunale nazionale antidoping, Viktoria Orsi Toth è già sulla via del rimpatrio: al suo posto dovrebbe arrivare in Brasile Rebecca Perry, destinata a fare coppia con quello in coppia con Marta Menegatti. Una dura mazzata per il beach volley azzurro, che a Rio 2016 era riuscito a qualificare tre coppie, di cui una femminile, tra l'altro con discrete chance di centrare una medaglia.

Viktoria Orsi Toth (a sinistra) e Marta Menegatti.

Miguel Tovar - 2015 Getty Images

UNGHERESE DI PUGLIA
Viktoria Orsi Toth, nata a Budapest 14 agosto 1990, è ungherese ma naturalizzata italiana. Cresciuta a Santeramo in Colle, ha iniziato a giocare a volley nella squadra locale, prima di entrare a far parte del progetto Club Italia, dove è rimasta per una stagione. Nel 2007 è tornata in Puglia, stavolta allo Jogging Altamura, con cui ha esordito in A1. Nella stagione 2008/09 ha vestito di nuovo la maglia della Santeramo Sport, per scendere poi di due categorie giocando con Aspav Olimpic Valenzano e Asti Volley. Ha scoperto il beach volley nell'estate del 2010 disputando prima il mondiale universitario, poi quello under 21 con Marta Menegatti. E proprio in coppia con l'atleta polesana è entrata nella storia del beach volley azzurro, conquistando la prima medaglia d'oro in una tappa del World Tour a Sochi.

GLI ALTRI CASI AZZURRI
Senza considerare lo spinoso caso-Schwazer, quello di Viktoria Orsi Toth è il quarto caso di doping che coinvolge uno sportivo azzurro in procinto di partecipare ai Giochi Olimpici. Prima di lei erano stati esclusi Niccolò Mornati, canottiere del 2 senza, risultato positivo all'anastrozolo, Roberta Caputo, velista, positiva proprio al Clostebol, e il mezzofondista Jamel Chatbi, che aveva saltato il terzo controllo antidoping dell'anno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso