22 Luglio Lug 2016 1333 22 luglio 2016

«Sono gay e voto Trump»

Il miliardario Peter Thiel, cofondatore di PayPal, è intervenuto durante la convention di Cleveland con un discorso a favore del candidato repubblicano. Sui social, polemiche a valanga dalla comunità LGBT.

  • ...
Peter Thiel

«Sono fiero di essere gay, di essere repubblicano, ma soprattutto di essere americano». Ha parlato così, durante la convention di Cleveland, Peter Thiel (cofondatore di PayPal), in un vibrante e applaudito discorso a favore del magnate Trump. Dopo aver conquistato una larga fetta dell'elettorato femminile (su Twitter molte fan si sono schierate apertamente), il repubblicano inizia a ricevere consensi 'ufficiali' anche dal mondo LGBT.

«CHI SE NE FREGA DELLA BATTAGLIA DELLE TOILETTES»
«Io non pretendo di essere d'accordo con tutti i punti del programma del partito. Ma le guerre sociali artificiali servono solo distrarci dal declino economico. E nessuno in questo Paese lo riconosce, a parte Donald Trump», ha continuato, ardente, il miliardario. «Chi se ne frega della battaglia delle toilettes», ha poi aggiunto, facendo riferimento alla lotta portata avanti dalla comunità LGBT contro l'intenzione dei conservatori di diversi Stati di adottare alcune leggi che imporrebbero alle persone transgender di utilizzare, nei luoghi pubblici, le toilettes del loro sesso di nascita e non quello nel quale si identificano. Il programma dei repubblicani, tra l'altro, si oppone alla legge sui matrimoni per tutti (ordinata dalla Corte Suprema nel 2015) e a molte altre rivendicazioni della comunità.


LE POLEMICHE DELLA COMUNITÀ LGBT SUI SOCIAL
Immediate e inevitabili le reazioni della comunità LGBT, che sui social ha aperto una lunga polemica contro il discorso di Thiel. «Il messaggio di Peter Thiel: 'Sono gay ma è più importante il fatto che sono ricco, quindi che diavolo mi interessa dei bambini forzati alla terapia di conversione' (trattamento psicologico o spirituale per cambiare l'orientamento sessuale delle persone, da gay a etero, ndr)», ha scritto l'utente Guy Cecil. «Elimina l'account PayPal», ha twittato Sally Kohn. E ancora «A chi importa della battaglia delle toilette? A tutta la gente bigotta con cui stai parlando adesso, Peter», ha polemizzato Jason Pollock.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso