19 Luglio Lug 2016 1627 19 luglio 2016

L'ex lady Berlusconi fa 60

Sono passati dieci anni da quando, il 19 luglio 2006, festeggiava i suoi primi 50 anni a Marrakech insieme al Cavaliere. Dagli esordi come attrice alla famosa lettera a Repubblica, chi è Veronica Lario.

  • ...
Barbara Berlusconi Attends Ethics Meeting At The Bocconi University

Sono passati dieci anni tondi da quando il 19 luglio 2006 a Marrakech, per la festa del suo mezzo secolo, Silvio Berlusconi mascherato da danzatore le offrì una collana di diamanti. «Ho pianto. Mi sono commossa quando ho scoperto che quel danzatore mascherato era mio marito», raccontò al femminile A Veronica Lario. Il 19 luglio 2016 l'ex first lady taglia un altro traguardo, compiendo 60 anni. Questa volta senza Silvio.

L'INCONTRO A TEATRO
Forse non tutti sanno che Miriam Raffaella Bartolini (prese il cognome della madre perché il padre non volle riconoscerla), bolognese, è stata un'attrice di teatro, cinema e tivù. Nel 1979 recita in due sceneggiati: Bel Ami di Sandro Bolchi e La vedova e il piedipiatti di Mario Landi. A novembre dello stesso anno il regista Enrico Maria Salerno la sceglie come protagonista femminile della commedia Il magnifico cornuto di Fernand Crommelynck, dove si esibisce senza veli. Proprio durante una rappresentazione di questa opera, presso il teatro Manzoni di Milano, l'anno successivo conosce il proprietario del teatro che a fine spettacolo vuole incontrarla: è Silvio Berlusconi.
Sul grande schermo, invece, è stata protagonista nel film Tenebre del 1982, diretto da Dario Argento. Due anni più tardi recita ancora da protagonista, diretta da Lina Wertmüller e accanto a Enrico Montesano, in Sotto... sotto... strapazzato da anomala passione.

LE NOZZE NEL 1990
Dopo l'incontro al Manzoni tra lei e l'ex Cavaliere scatta il colpo di fulmine. Iniziano una relazione e Lario si trasferisce a vivere nella sede operativa di Fininvest a Milano.
L'8 ottobre 1985, dopo il divorzio di Berlusconi dalla prima moglie Carla Elvira Dall'Oglio, i due iniziano una convivenza ufficiale sposandosi con rito civile il 15 dicembre 1990. Avevano già tre figli: Barbara, Eleonora e Luigi.

FIRST LADY RISERVATA
Diventa la first lady italiana, ma continua a evitare la maggior parte degli incontri pubblici e raramente presenzia a incontri ufficiali insieme al marito. Manifesta da sempre una certa indipendenza culturale, guadagnandosi spesso la stima di avversari politici di Berlusconi.
Tra il 2005 e il 2009 critica apertamente diversi comportamenti del marito che l'avrebbero visto coinvolto in circostanze sconvenienti per il loro matrimonio. Dopo che Berlusconi si palesa al 18esimo compleanno di Noemi Letizia a Casoria, Veronica parla di «ciarpame senza pudore». «Non posso stare con un uomo che frequenta minorenni», dichiara. All'inizio di maggio 2009 prepara con l'ausilio del suo avvocato una richiesta di divorzio.

LA LETTERA A REPUBBLICA
«Egregio Direttore, con difficoltà vinco la riservatezza che ha contraddistinto il mio modo di essere nel corso dei 27 anni trascorsi accanto ad un uomo pubblico, imprenditore prima e politico illustre poi, qual è mio marito». Il 31 gennaio 2007 Veronica scrive una lettera che inizia con queste parole al quotidiano la Repubblica nella quale chiede a Berlusconi pubbliche scuse per frasi poco galanti rivolte ad alcune signore presenti alla cerimonia dei Telegatti di qualche giorno prima. Le riceve, nel pomeriggio dello stesso giorno, attraverso un'altra lettera pubblica. L'episodio finisce su tutti i giornali italiani e internazionali. Due anni dopo, il 3 maggio 2009 i maggiori quotidiani riportano la notizia della richiesta di separazione avanzata da Veronica.

IL DIVORZIO
Nel dicembre 2012 la sentenza di separazione non consensuale depositata al tribunale di Milano fissa a 3 milioni di euro mensili l'assegno di mantenimento che Berlusconi deve versare alla Lario, che rinuncia però alla villa di Macherio.
Il 18 febbraio 2014 il tribunale di Monza con una sentenza parziale dichiara lo scioglimento del matrimonio.
Con la sentenza resa pubblica il 23 giugno 2015, il tribunale determina l'importo dell'assegno di mantenimento in favore della Lario in 1,4 milioni di euro al mese.

POSIZIONI ETICHE
Intervistata da MicroMega sulla Guerra in Iraq, nel marzo 2003, Lario esprime posizioni di simpatia nei confronti di movimenti pacifisti. Nell'ottobre dello stesso anno auspica la messa in scena di Anomalo Bicefalo, commedia di Franca Rame pesantemente critica nei confronti di Berlusconi. L'8 aprile 2005, intervistata dal Corriere della Sera nel periodo precedente ai referendum sulla fecondazione assistita, si esprime per il «sì» ai quesiti, paragonandoli a quelli sull'aborto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso