12 Luglio Lug 2016 1450 12 luglio 2016

Vade retro Safiria

Condividendo le parole di un collega, Padre Amorth stronca su Facebook il programma di Rete4 La strada dei miracoli. Nel mirino Alessandro Cecchi Paone e Rita Dalla Chiesa, oltre alla sua conduttrice.

  • ...
amorth

La strada dei miracoli, in onda su Rete4 e condotto da Safiria Leccese, è un programma molto apprezzato dai telespettatori più religiosi e un appuntamento da non perdere ogni martedì in prima serata. Tuttavia, ha ricevuto la stroncatura di un cattolico al di sopra di ogni sospetto come il celebre esorcista Padre Amorth. Il religioso ha infatti condiviso su Facebook il pensiero del collega potentino don Antonio Mattetelli, per cui La strada dei miracoli sarebbe un 'tranello del diavolo'. Il motivo è molto semplice: in studio ci sono 'infiltrati' come «l’onnipresente opinionista gay friendly ed ateo (Cecchi Paone) e la divorziata risposata che pretende la comunione, senza contraddittorio (Rita Dalla Chiesa)», invitati con l'obiettivo studiato a tavolino di «staccare dalla morale sessuale cattolica e dalle indicazioni dei vescovi questa fascia particolare di cattolici, cioè quelli legati ai santuari, alla devozione popolare, a Medjugorje…».

I COMMENTI DEGLI UTENTI
Don Mattetelli chiude poi il suo post facendo ironicamente i complimenti al Diavolo. Condividendolo, idealmente lo ha fatto anche Padre Amorth. E, verrebbe da dire, lui di certe cose se ne intende. Tutti d'accordo i suoi amici su Facebook: «Ormai tutta la televisione italiana è guidata dalla massoneria, non c'è programma che non sia guidato da essa», «Satana è furbo! Trasmissione amica del maligno! Don Davide è troppo educato e la conduttrice lo fa parlare poco e quando lì da la parola poi non li fa mai finire il concetto» e «Dietro un'apparente religiosità si intravede anche abbastanza chiara la presenza del Maligno. Guardate bene lo sguardo della Safiria Leccese» sono solo alcuni dei commenti che si possono leggere sotto al post condiviso da Padre Amorth.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso