11 Luglio Lug 2016 1902 11 luglio 2016

Semplici come Alexa

Dalle passerelle agli atelier. La Chung ha deciso di cambiare mestiere e creare un brand tutto suo. Ecco alcuni consigli per copiare il suo stile elegante e genuino.

  • ...

Modella, presentatrice e ora anche stilista. Dopo tante collaborazioni e anni di foto su Instagram, Alexa Chung ha annunciato al mondo di voler lanciare un brand con il suo nome. Un passo importante che la porterà a fare moda in tutti i sensi. Sì perché oltre a ideare vestiti, la Chung è da sempre molto brava a indossarli oltre che ispirare mood e stili copiatissimi ovunque. Del resto la modella ha prestato il suo volto per decine di campagne pubblicitarie e ha lavorato con tantissime aziende di moda e non. Ora però ha deciso di fare un ulteriore passo in avanti, creando il marchio Alexachung. Un brand pronto a far emozionare la clientela con capi d'abbigliamento decisamente originali, acquistabili a partire dal 2017 sia online che in alcuni grandi magazzini di Londra, New York, Parigi e Hong Kong.

MODELLA TEENAGER
Classe 1983, Alexa è stata scoperta a un festival quando aveva 16 anni da un agente di moda. Grazie a lui la giovane ha iniziato la sua carriera come modella, tra sfilate d'alta moda e copertine di Elle Girl e CosmoGIRL. Un tuffo in quella popolarità che sognava sin da giovanissima. Del resto come non si può ricordare la sua passerella per Vivienne Westwood Red Label o il suo volto prestato al marchio australiano Antipodium. E proprio il suo aspetto semplice e senza troppe sovrastrutture, a partire dal make up mai esagerato e da quel semplice caschetto sbarazzino, l'hanno fatta apprezzare dal grande pubblico. Donne in primis.

ASPIRANTE GIORNALISTA
Per questo forse la sua carriera ha preso il volo anche in televisione. Nel 2006, infatti, ha iniziato a condurre a Channel 4, una delle principali emittenti inglesi, Popworld, un programma musicale, dove è riuscita a farsi riconoscere per le sue particolari interviste. Un vero e proprio successo che l'ha portata, per un breve periodo, ad essere editorialista per British Vogue, dove ha anche intervistato stilisti come Karl Lagerfeld e Christopher Kane. La sua popolarità, poi, le ha fatto raggiungere anche la direzione del mensile di moda, che ha simpaticamente guidato per un paio di giorni. Un’operazione di marketing naturalmente, che ha però superato egregiamente. Il suo impegno è andato anche oltre la moda, perché durante la campagna elettorale per il referendum sulla Brexit, si è schierata per il Remain, ovvero per restare nell'Unione Europea, ovviamente con un post su Instagram, dove ha circa 2,3 milioni di follower.

ALEXA STILISTA
Il suo rapporto con l’industria della moda, però, è andato ben oltre le semplici copertine. Alexa si è infatti messa in gioco, collaborando direttamente con alcuni brand di riferimento, come AG Jeans, Madewell, Marks & Spencer, Superga ed Eyeko. Qui ha dato libero sfogo alla sua creatività come consulente, firmando anche alcune linee e collezioni. È proprio in questo periodo che la sua popolarità è schizzata alle stelle tanto che il famoso brand inglese Mulberry nel 2009 le ha dedicato una borsa, la Alexa. Grande pubblico impazzito e vendite aumentate del 79%. Insomma sembra che ciò che Chung tocchi si trasformi in oro. E a questo punto la domanda sorge spontanea. Chissà se i suoi capi avranno lo stesso successo?

COME COPIARLA
In attesa di vedere le sue creazioni, però, LetteraDonna ha scelto alcuni dei suoi look più riusciti e ha cercato per voi le soluzioni migliori per copiare lo stile di Alexa Chung. Sfogliando la gallery, potete immergervi in un guardaroba da fashion icon. Il segreto è il giusto mix tra semplicità e attenzione ai dettagli, cose che da sempre la contraddistinguono.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso