5 Luglio Lug 2016 1838 05 luglio 2016

Una principessa per Vogue Arabia

Alla fine è stata scelta Deena Aljuhani Abdulaziz, moglie del reale saudita Abdulaziz Bin Nasser Bin Abdulaziz Al-Saud, per dirigere la testata pronta a partire già a settembre 2016.

  • ...
CC_2013_0010

Vogue Arabia è realtà. L'editore Condé Nast International ha infatti annunciato il lancio a settembre 2016 della testata nella sua versione online. A dirigerla è Deena Aljuhani Abdulaziz, 41enne moglie di un membro della famiglia reale saudita. Da sempre vicina agli ambienti della moda, la principessa ha ceduto alle lusinghe della casa editrice che l'ha voluta fortemente alla guida della rivista.

PRINCIPESSA DELLA MODA
Dopo il lungo corteggiamento da parte del principe Abdulaziz Bin Nasser Bin Abdulaziz Al-Saud, dopo il loro incontro casuale a Londra, Deena Aljuhani Abdulaziz si è sposata con il reale nel 1996. Ma è dieci anni dopo, nel 2006, che la donna ha coronato il suo sogno di entrare nel mondo della moda fondando D'NA, una member's-only boutique che annovera tra le sue fila anche la Maison Martin Margiela e Veronique Branquinho. Innovativa e intuitiva è stata la prima a sostenere Prabal Gurung e Jason Wu, oltre a nomi come Erdem, Roksanda, Mary Katrantzou e Osman.

NEGOZI ESCLUSIVI
Dopo aver creato una catena di negozi esclusivi grazie proprio a D'NA, Abdulaziz ha usato la sua esperienza personale per soddisfare le diverse esigenze della clientela femminile presente in Arabia Saudita. «Questo è il mio tappeto erboso. Quello dove so muovermi al meglio. Ci sono così tante differenze, tra le donne di Dubai, quelle del Kuwait e del Bahrain. Per questo mi rivolgo a loro con idee nuove che possano affacciarsi alla loro cultura», ha spiegato una volta a Vogue America. E se prima viveva sul lato Upper West di New York con il marito, proprio per seguire più da vicino i suoi affari si è trasferita a Riyad. Ora la nuova sfida, quella di dirigere un giornale di moda, uno dei primi del mondo arabo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso