1 Luglio Lug 2016 1336 01 luglio 2016

La centenaria di Hollywood

Il 1° luglio 2016 la Melania di Via col vento compie 100 anni. Lontana dalle scene ormai da decenni, ha fatto la storia del cinema. Dentro e fuori dal set. Lottando per i propri diritti, come le sue colleghe di oggi.

  • ...
photos-of-olivia-de-havilland

Chissà che cosa pensa delle colleghe che, oggi, lottano per vedersi riconosciuto uno stipendio pari a quello dei colleghi maschi: perché Olivia de Havilland, che il 1° luglio 2016 compie 100 anni, non è stata solo una grande attrice di una Hollywood che non c'è più e che spesso vive solo nelle repliche televisive in onda a notte fonda, ma anche una donna che si è battuta per vedersi riconoscere diritti lavorativi che allora non spettavano a nessuno. Né uomini, né donne.

LA RIBELLIONE
All'epoca della Golden Age hollywoodiana, gli attori firmavano lunghi contratti con gli studios, che li costringevano a rimanere alle loro dipendenze per anni. E anche oltre, se possibile. Nel caso di Olivia, ad esempio, cercarono di allungare i tempi sostenendo che le pause lavorative non andavano conteggiate nel periodo previsto dal contratto, e dovevano quindi essere recuperate in seguito. Olivia si oppose, fece causa alla Warner Bros e vinse. La sua crociata diede vita a una legge, forse la prima in assoluto, che tutelava gli attori sottraendoli alle grinfie dei tirannici produttori.

DOPPIO OSCAR
Ma Olivia, la storia, l'ha fatta anche sul grande schermo. Oggi la ricordano in pochi, ma è l'unico componente del cast di Via col vento ancora in vita (faceva la parte di Melania). Inoltre, nel 1947 e nel 1950 vinse due premi Oscar come miglior attrice, rispettivamente per A ciascuno il suo destino e L'ereditiera, che coronano una carriera ormai agli sgoccioli. Certo, avrebbe preso parte ad altri film (l'ultimo nel 1979), ma già nel 1955, sposatasi con un giornalista francese, si era trasferita a Parigi, allontanandosi dal mondo del cinema.

LA RIVALITÀ CON LA SORELLA
Ma che carriera, prima: otto film con il leggendario Errol Flynn, con cui ebbe una sorta di casta e posticcia storia d'amore che gli studios cercarono di rivendere alle riviste di gossip, una Coppa Volpi a Venezia, due Golden Globe. E un piglio determinato che traspariva in ogni sua azione, sul set e fuori dal set. Ma negli anni è diventata memorabile anche la rivalità con la sorella Joan Fontaine (pare che già da bambine litigassero per i vestiti): quest'ultima le strappò un Oscar nel 1942. Non si rivolserso parola fino al 1975, quando morì la madre. Poi, più nulla.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso