23 Giugno Giu 2016 1824 23 giugno 2016

Cinque attrici per cinque cartoni

Jem e le Holograms, un flop negli Stati Uniti, sbarca nelle sale italiane. Ma gli Anni '80 non passano mai di moda: ecco gli anime che vorremmo vedere al cinema. E le loro possibili protagoniste.

  • ...
confronto jem

Il 23 giugno arriva nelle sale italiane Jem e le Holograms, adattamento cinematografico dell'omonima serie animata, ispirata a sua volta ad una linea di bambole della Hasbro. Negli Stati Uniti la pellicola in live action ha causato le reazioni indignate dei fan e, complice il generale disinteresse del pubblico statunitense, si è rivelato un disastro al box office. Al di là di come possa andare al botteghino in Italia, uno dei problemi del film è che ha poco in comune con l'anime: basti pensare al fatto che la protagonista, Jerrica (interpretata da Aubrey Peeples), è una ragazza che ottiene inaspettatamente la popolarità grazie a un video postato su YouTube dalla sorella. Una situazione che sarebbe stata impossibile in una puntata del cartone animato, che si apriva con la sigla cantata, nemmeno a dirlo, dalla mitica Cristina D'Avena. Peccato, perché il soggetto era sicuramente interessante, considerando la grande voglia di Anni '80 che si respira nell'aria. E, allora, proviamo a 'suggerire' a sceneggiatori e produttori di Hollywood altri cinque cartoni animati da trasformare in film, con le relative protagoniste femminili.

LADY OSCAR
Le avventure e il dramma di una ragazza costretta dal padre a vivere come un uomo negli anni che precedono la Rivoluzione Francese. Un cartone istruttivo, con personaggi realmente esistiti, e che termina con la presa della Bastiglia. C'è anche una scena hot, quella in cui André confessa il suo amore nei confronti di Oscar, a cui strappa la camicia. Nel film, da ambientare in Francia, ci sarebbe spazio per tanti attori transalpini, da Gérard Depardieu a Vincent Cassel, passando per Marion Cotillard e Audrey Tautou. Per il ruolo di Lady Oscar suggeriamo Mélanie Laurent. Esiste comunque già un film dell'anime, girato nel 1979.

KISS ME LICIA
Ok, una versione in live action c'è già, ed è quella tutta italiana con Cristina D'Avena nel ruolo di Licia, appunto, e Pasquale Finicelli a impersonare Mirko dei Bee Hive, con il suo ciuffo rosso su capello biondo platino. Di fatto il sequel di Kiss me Licia, serie che in Giappone non ebbe grande successo. Considerando l'aspetto della protagonista nell'anime, secondo LetteraDonna Emma Watson sarebbe un'ottima candidata per questo ruolo.

CANDY CANDY
Il cartone racconta la storia di Candy, ragazzina bionda che parte dall'orfanotrofio di Miss Pony per un giro del mondo che la porta fino agli Stati Uniti, dove lavora come infermiera. In mezzo succede di tutto: morti, amputazioni, tentati suicidi e un eterno dilemma, stile Via col vento, su chi sia l'uomo giusto. Probabilmente l'anime più triste mai realizzato. Chi la potrebbe interpretare la dolce Candy? La bionda e giovanissima Chloë Moretz.

MILA E SHIRO DUE CUORI NELLA PALLAVOLO
I maschi guardavano Holly e Benji, le femmine si struggevano invece per la storia d'amore tra Mila Hazuki e Shiro Tachiki, ma anche per le sue spettacolari schiacciate, chiedendosi dove quella ragazzina con i capelli arancioni trovasse tanta forza e riuscisse a rimanere sospesa in aria così a lungo. Sono pochi gli sport che 'funzionano' al cinema e tra di loro non c'è la pallavolo. Tuttavia ingaggiare Emma Stone per il ruolo di protagonista potrebbe dare una mano al botteghino.

GEORGIE
Ambientato nel XIX secolo tra Australia e Inghilterra, il cartone racconta le avventure di una ragazza adottata alla ricerca delle proprie origini. Nella sigla Cristina D'Avena canta parla di fratelli «affezionati, vivaci e monelli» e infatti a un certo punto uno dei due, Arthur, si infila nel letto di Georgie per scaldarla con il suo corpo, durante una notte in cui sta morendo di freddo. Almeno per la parte del film che la vede un po' più cresciuta, ovvero quella in cui turba i sogni dei fratelli, per il ruolo della bella Georgie ci permettiamo di candidare l'australiana Margot Robbie.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso