6 Giugno Giu 2016 1721 06 giugno 2016

Non attaccate l'Hermione di colore

J.K. Rowling scende ancora in campo per difendere Noma Dumezweni, l'attrice chiamata a impersonare la maghetta che nell'immaginario collettivo ha le fattezze della bionda Emma Watson.

  • ...
j k rowling

J.K. Rowling non ci sta. Così, dopo le tante critiche nei confronti di Noma Dumezweni, la Hermione di colore scelta per la play teatrale The cursed child, la mamma di Harry Potter è scesa nuovamente in campo a difesa dell'attrice chiamata a impersonare la maghetta che nell'immaginario collettivo ha le fattezze della bionda Emma Watson.

LA DIFESA
Intervistata da The Observer, l’autrice britannica ha etichettato come razzisti tutti coloro che hanno mosso critiche nei confronti della produzione facendone una questione di colore della pelle: «Noma era la scelta migliore per il ruolo», ha tuonato la Rowling. «Con la mia esperienza nei social media, ho pensato che gli idioti alla fine avrebbero sempre fatto la parte degli idioti: ma che vuoi farci? Il mondo è fatto così», ha aggiunto sprezzante.

COLPA DI EMMA
Anche perché nei libri l'autrice parlava di Hermione come di una giovane dagli «occhi scuri, capelli mossi e molto intelligente. Non ho mai specificato se avesse o meno la pelle bianca». Già a dicembre 2015 J.K. Rowling era scesa in campo per mettere a tacere i dissensi intorno al nome di Noma Dumezweni. Ora la prova più difficile tocca proprio a lei, a quell'Hermione di colore nata in Swaziland e attesa al debutto il 7 giugno 2016 al Palace Theatre di Londra dove oltre 175 mila biglietti sono stati venduti nelle prime 24 ore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso