17 Maggio Mag 2016 1436 17 maggio 2016

In Cina anche gli uomini sono discriminati

Nel Paese alcuni mezzi pubblici sono stati riservati solo alle donne. La protesta non si è fatta attendere e molti parlano già di sessismo. «Non tutti gli uomini sono cattivi».

  • ...
traffico urbano in cina

Anche gli uomini possono venire discriminati sessualmente? Sì, e la cosa è stata fatta notare da un pensionato cinese, non del tutto d'accordo con la decisione della compagnia di autobus di Zhengzhou nel dedicare un'intera linea alle donne. La decisione, presa a fine aprile 2016, ha aperto nel capoluogo della regione centrale dello Henan (Cina) un dibattito più che mai acceso.

LA DIFESA
Intanto l’azienda di trasporti che ha introdotto il servizio ha difeso le sue scelte. Il servizio sarebbe un modo per proteggere le donne da eventuali molestie nelle ore di punta e di favorire l’allattamento al seno. E a dare ragione alla compagnia sono proprio loro, le donne. Almeno in parte: «Non tutti gli uomini sono cattivi, ma così li discriminiamo tutti». Scontenti risultano soprattutto gli anziani, perché i tempi di attesa si allungano, costringendoli a lunghe soste alla fermata.

NON È LA PRIMA VOLTA
Negli ultimi anni la Cina ha iniziato una vera e propria politica a tinte rosa. Oltre agli autobus, sono aumentati i bagni pubblici femminili nelle università così come speciali spazi per i parcheggi. Un fenomeno che nel Paese ha portato già a parlare di «sessualizzazione degli spazi». Sembra proprio una vera e propria aperture del Governo cinese alle donne. Apertura che, però, è solo facciata. Basta pensare a quanto accaduto l'8 marzo 2016 quando cinque giovani femministe sono state arrestate per aver distribuito adesivi e volantini contro la violenza sessuale sui mezzi pubblici.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso