11 Aprile Apr 2016 1642 11 aprile 2016

La scelta di Sophia

Nonostante sia nata con gli organi riproduttivi sia maschili che femminili, la giovane ha coronato i suoi sogni diventando modella. Ora, dopo aver raggiunto il successo, vuole sentirsi donna a tutti gli effetti.

  • ...
highres_245873350

Una donna intrappolata nel corpo di un uomo. Una storia come ce ne sono tante oggigiorno. Eppure quella di Sophia Young ha qualcosa di diverso. Un cambiamento iniziato all'età di otto anni. Un dolore intenso nella zona pelvica non la faceva quasi più vivere. Poi la corsa in ospedale dove i medici le hanno diagnosticato un'anomalia nelle ovaie. Sophia, nata femmina, si stava lentamente trasformando in uomo. Questo perché nel suo corpo si trovavano gli organi riproduttivi sia maschili che femminili. Una rara forma di ermafroditismo umano che non ha impedito a Sophia di realizzare i suoi sogni.

VUOLE ESSERE DONNA
«Ho una vagina, un utero e delle ovaie, ma il mio clitoride è così grande che sembra un pene». Una protuberanza che però non ha alcuna funzione riproduttiva. Ma che ha comunque trasformato i morbidi lineamenti della giovane in quelli duri e squadrati di un uomo. Tanto che i suoi genitori hanno deciso di chiamarla con un altro nome: troppo imbarazzante usare con quella persona così mascolina il nome della loro piccola Sophia. «Voglio sbarazzarmi di tutte le parti maschili così posso finalmente sentirmi normale», ha aggiunto. Anche perché lei, che ha deciso di sfruttare la sua bellezza ermafrodita per affascinare e sfondare nel mondo della moda, si sente donna a tutti gli effetti. Da qui la decisione, o meglio la necessità, di sbarazzarsi di ogni componente maschile che tanto la limitava.

VITTIMA DI BULLISMO
Quella della Young, oltre che una storia di coraggio, è anche un racconto di emarginazione. «A scuola sono spesso stata vittima di bullismo. Sono stati gli anni più brutti», ha raccontato al Daily Mail Australia. «Io ero indietro con lo sviluppo puberale rispetto alle mie coetanee. Non mi trovavo bene. Sono presto diventata una solitaria. Questo ha fatto di me, per gli altri bambini, una tipa strana», ha aggiunto. Nel 2014 poi la svolta. Il suo trasferimento a Sidney dove a 21 anni ha fatto il suo esordio nel mondo della moda. Tutto merito del suo aspetto, di quella capacità di essere uomo e donna allo stesso tempo. Ora che il successo, così come i soldi (tanti), sono arrivati, Sophia Young ha deciso di dire basta a tutto questo. Non vuole più essere una modella, ma trovare un lavoro «vero» e (soprattutto) quella normalità che per tutta la vita le è stata negata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso