11 Aprile Apr 2016 1808 11 aprile 2016

«Copritevi per non distrarre prof e compagni»

Allungare le gonne sotto il ginocchio. La richiesta di un istituto scolastico alle sue studentesse crea polemica in Nuova Zelanda: «Non protestiamo per la regola in sé ma per il messaggio che vuole far passare».

  • ...
image5

«Le vostre gonne sono troppo corte. Distraggono gli studenti e gli insegnanti». Più o meno questo il senso del discorso risevato alle adolescenti di un liceo della Nuova Zelanda alle quali è stato comunicato l'obbligo di aumentare la lunghezza delle loro gonne. Almeno al di sotto del ginocchio. Una scelta un po' retrograda forse ma che secondo il responsabile scolastico dovrebbe garantire «la salvaguardia delle ragazze dagli sguardi indiscreti dei ragazzi e di creare un ambiente lavorativo sereno anche per il personale di sesso maschile».

INDIGNAZIONE FEMMINISTA
La stravagante richiesta non è comunque passata inosservata, provocando l'indignazione di studenti, genitori e, soprattutto, organizzazioni femministe. «Sono molto infastidita da tutto questo. Si propina un messaggio sbagliato sostenendo che le giovani donne sono responsabili del comportamento sessuale degli uomini a seconda di come si vestono», ha spiegato Deborah Russell, militante femminista e docente presso la Massey University. E se qualcuno difende la scelta dell'istituto, dall'altro non può che evidenziare alcune lacune nella comunicazione. «S0no convinta sia giusto che le scuole abbiano dei codici comportamentali, ma accusare le ragazze dell'eventuale 'distrazione' di insegnanti e alunni pare eccessivo», ha spiegato Debbi Tohill, direttore esecutivo del Rape Crisis.

CONCETTO SBAGLIATO
E a essere contestato risulta infatti il concetto. Non tanto la regola in sé: «Queste, se sensate, non sono mai un problema. Le difficoltà sorgono quando questi codici bersagliano alcune persone perché i loro corpi possono sembrare, in un'ottica sbagliata, distrazioni sessuali», ha agiunto invece un'altra voce contraria al messaggio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso