8 Aprile Apr 2016 1602 08 aprile 2016

La maternità surrogata compie 30 anni

Nel 1986 nacque Shira, la prima bambina concepita grazie alla gestazione per altri, ma utilizzando l'ovulo e lo sperma dei genitori biologici.

  • ...

30 anni fa la maternità surrogata ha compiuto un passo importante per tutti i genitori che avrebbero poi utilizzato la pratica. Nel 1986 infatti nacque Shira, la prima bambina concepita da una madre surrogata, ma biologicamente figlia dei suoi genitori. Accadde in Ohio, uno degli Stati degli USA che ancora oggi non hanno leggi precise in materia. È stato lì che Sandy ed Elliot incontrarono il primo medico che approvò la loro idea: avere un figlio grazie ad una madre surrogata, nel cui utero fosse trapiantato un embrione ottenuto con gli ovociti di Sandy e lo sperma di Elliot. Dopo aver contattato quella che sarebbe diventata la madre surrogata, Shannon Boff, la coppia procedette all'operazione.

AVEVANO GIÀ PERSO UNA FIGLIA
Purtroppo Sandy non poteva avere figli. Il suo utero era stato asportato dopo una gravidanza particolarmente difficile che aveva portato alla morte della sua bimba, nata prematura. La donna in seguito ha raccontato che dopo la terribile esperienza aveva deciso di arrendersi, ma suo marito la aiutò ad andare avanti cercando nuove soluzioni.

10 MILA DOLLARI PER AVERE UN FGLIO
La coppia pagò la Boff 10 mila dollari per portare a termine la gravidanza. Oggi le cifre variano dai 10 mila, a quanto pare il minimo, a 40 mila dollari a seconda del Paese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso