31 Marzo Mar 2016 1902 31 marzo 2016

La signora al-Baghdadi sogna l'Europa

L'ex moglie del leader dell'Isis ha dichiarato di voler vivere nel vecchio continente insieme al figlio, continuando a rispettare la Sharia, che è secondo lei «garanzia di libertà e diritti per le donne».

  • ...
Saja-al-Dulaimi

Saja Al-Doulaimi, un'ex moglie del leader dell'Isis Abou Bakr al-Baghdadi ha recentemente rilasciato un'intervista svedese Expressen. Liberata a dicembre 2015 da una prigione libanese, dove era stata incarcerata nel 2014 a seguito di sospetti legami con lo Stato Islamico, ha dichiarato di voler abitare con suo figlio in Europa, e non in un Paese arabo. Durante il colloquio, la donna, 28enne, ha sottolineato di voler vivere, in ogni caso, nel pieno rispetto della Sharia, la legge islamica, che è secondo lei «garanzia di libertà e diritti per le donne».

«ERA UNA PERSONA NORMALE»
Nata in una famiglia della borghesia irachena, Saja Al-Doulaimi si è sposata la prima volta con un suo conterraneo (dal quale ha avuto due figli) membro della guardia personale di Saddam Hussein. Rimasta vedova, nel 2008 ha preso per marito, sotto consiglio del padre, al-Baghdadi, all'epoca professore universitario. La Al-Doulaimi ha affermato che quando lo ha conosciuto, lui era un uomo normale, adorato dai ragazzi. Solo nel 2o10 ha iniziato la sua 'carriera' da terrorista, prima combattendo nei ranghi di al-Qaeda, poi nello Stato Islamico, fino a diventare Califfo.

«NON SONO UNA TERRORISTA»
«Come sia diventato capo dell'organizzazione terroristica più pericolosa del mondo è per me un mistero», ha dichiarato l'ex moglie, che ha un figlio anche con lui, Hagar, di sette anni. «La nostra ultima conversazione risale al 2009. Mi ha chiesto se volevo tornare con lui, ma io avevo già preso la mia decisione», ha detto la donna, precisando di averlo lasciato quando era ancora incinta, tre mesi dopo il matrimonio. «Sono etichettata come una terrorista, ed è falso. Qual è la mia colpa? L'ho sposato nel 2008, ora siamo divorziati».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso