29 Marzo Mar 2016 1705 29 marzo 2016

Il primo amore non si scorda mai

Sei cresciuta, sei cambiata, ma dopo tanto tempo lui continua ancora a condizionare la tua vita relazionale? Ecco quattro motivi per cui il suo ricordo è difficile da cancellare.

  • ...
primo amore

Dopo di lui, ne hai avuti altri: sei cresciuta, hai sperimentato diverse relazioni. La tua vita è andata avanti. Eppure ci sono volte in cui il tuo pensiero ritorna lì: al primo amore. Quello che ti ha rivoltata come un calzino, travolgendoti e stravolgendoti. Ora, a distanza di tempo, lui continua a condizionare la tua vita relazionale. Ecco quattro motivi per cui il suo ricordo è ancora difficile da cancellare.

NON HAI PIÙ VOGLIA DI COMBATTERE
Le credenze giocano un ruolo determinante, soprattutto in amore. Quanto più credi in un sentimento, tanto più sei disposta a batterti per tutelarlo. Non è un caso se, nelle relazioni successive a quella con lui, non hai più sfoderato lo stesso 'spirito guerriero' di prima. Dopo aver combattuto al 100% per qualcuno, si è insinuata l’errata convinzione che «l’amore non basta». Pensaci: quante volte, in seguito, ti sei detta: «Non ne vale la pena» e hai abbandonato la conoscenza di qualcuno alle prime difficoltà?

IL ROMANTICISMO SFIORISCE
L’amore a prima vista esiste. Per l’esattezza basterebbero 0,2 secondi dopo il primo sguardo per attivare ben 12 zone diverse del cervello e per farti innamorare perdutamente di qualcuno. A dirlo sono gli psicologi dell’Università di Ginevra, John e Stephanie Cacioppo. Non si tratterebbe soltanto di chimica ma di un «complesso stato mentale che coinvolge più dimensioni»: dall’attrazione sessuale all’intenzione di conoscere quella persona per voler già stare con lei. Una visione romantica che, raramente, si continua però ad avere dopo aver preso la prima delusione.

TI SEI MAI DISINTOSSICATA?
Quando una storia finisce, in particolare la prima, ci vuole tempo. E non solo: bisogna anche praticare l’astinenza: dal sesso, dall’interessamento, dai sentimenti. Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista Review of General Psychology dagli studiosi della Saint Louis University, il cervello è programmato per superare le delusioni d’amore. Si tratterebbe di una sorta di meccanismo mentale di selezione naturale: per andare avanti bisogna dimenticare. Eppure, spesso, non ci si concede il tempo necessario. Chiediti se non hai avuto troppa fretta nel saltare dal tuo primo amore al successivo.

ALLA RICERCA DEGLI AMICI PERDUTI
L’amore richiede energie, tante. Per questo non si può restare disponibili nei confronti di tutti gli amici, quando si è coinvolti da qualcuno (tanto più dal primo amore). Sembra un paradosso ma a essere scartati sono proprio quelli più stretti: lo conferma Robin Dunbar, direttore dell’Istituto di antropologia cognitiva della Oxford University. Più una love story travolge, maggiore è l’impatto che ha nella sfera relazionale e famigliare, fino al deterioramento di alcuni rapporti. Domandati se ci sono amici 'perduti' che adesso valga per te la pena recuperare. A volte un ricordo è alimentato anche dai sensi di colpa.

VOLTARE PAGINA
C’è un principio orientale che recita: «Positivo attira positivo, negativo crea negativo». Se dopo la fine della tua prima storia sei ancora agganciata a stati d’animo di sofferenza, rabbia e sfiducia, come puoi pretendere di incontrare qualcuno di diverso che ti faccia cambiare idea? Fino a quando le conseguenza di una relazione sbagliata ti condizioneranno nella ricerca, trovare 'un nuovo tesoro' sarà difficile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso