25 Marzo Mar 2016 1144 25 marzo 2016

Ballando con la nuova Sophia Loren

Da Giuseppe Tornatore al talent di Rai Uno: a tu per tu con Margareth Madè, che ci ha raccontato del suo amore per Giuseppe Zeno e della sua ultima sfida: combattere la timidezza con la danza.

  • ...
Giffoni Film Festival - Day 4

Modella, attrice, ballerina. Margareth Madè, occhi verde smeraldo, è la ragazza della porta accanto, semplice e bellissima. Siciliana, è stata scoperta e lanciata dal Premio Oscar Giuseppe Tornatore che l’ha scelta per il ruolo di Mannina in Baarìa, prima di indossare i panni di una giovane Sophia Loren nel biopic televisivo La mia casa é piena di specchi. Non a caso il New York Times le ha dedicato una copertina definendola «La nuova Sophia Loren». Nel 2015 ha girato Andròn, The Black Labyrinth di Francesco Cinquemani con Alec Baldwin e Skin.Una carriera in ascesa per Margareth che oggi si muove sulla pista di Ballando con le stelle accanto al maestro Samuel Peron. Alle prese con un ritmato Quick Step o un’appassionata Rumba, puntata dopo puntata, si mostra sempre più a suo agio. D'altronde ha accettato la sfida di partecipare al talent di Rai Uno per superare la sua timidezza e mettersi alla prova fino in fondo. E per una che non ha mai ballato nemmeno in discoteca, come ci ha raccontato, allenarsi tre ore al giorno non è così facile.

DOMANDA: Il passo più difficile da eseguire durante le coreografie?
RISPOSTA: In realtà non sono i passi a mettermi in difficoltà, ma la velocità nell’eseguirli. E doverlo fare sotto gli occhi di tutti.
D: Come si trova con gli altri concorrenti?
R: È una bella squadra e ci divertiamo tanto insieme. Soprattutto scherziamo e ci facciamo coraggio quando siamo nella sala delle stelle, in attesa di esibirci. Così sdrammatizziamo la tensione.
D: Quali critiche la feriscono maggiormente?
R: Quelle personali che non hanno nulla a che fare con il ballo. Invece le critiche costruttive sono ben accette.
D: I giudici di Ballando, a volte, sono troppo velenosi?
R: Fa parte del gioco, tutto contribuisce allo spettacolo anche per tenere viva l’attenzione degli spettatori.
D: Da modella ad attrice per caso. Cosa vuole fare da grande?
R: Il cinema e la recitazione sono le mie aspirazioni più profonde.
D: Quale ruolo sogna?
R: Mi piacerebbe molto poter interpretare un personaggio che mi permetta di trasformarmi completamente così come è successo a Charlize Theron nel film Monster.
D: Il consiglio più grande che le ha dato Tornatore?
R: Impegnarsi al massimo cercando di dare sempre il meglio e non lasciarsi scoraggiare dalle inevitabili difficoltà.
D: Cosa l'ha colpita di più dell'intensa vita di Sophia Loren?
R: Il contrasto tra le sue radici semplici e la sua sfolgorante carriera che ha perseguito con grandissima determinazione. È stata bravissima anche nel conciliare gli impegni familiari di moglie e madre con quelli professionali.
D: Come la sostiene il suo fidanzato Giuseppe Zeno?
R: Mi ha detto di lasciarmi andare, di divertirmi e di sentirmi libera di esprimere me stessa. Lui é sempre presente, mi sprona ad attingere alla mia visceralità profonda. Mi é di grande aiuto.
D: Le piacerebbe lavorare con lui?
R: Sarebbe bellissimo.
D: È stato un amore nato all’improvviso o dopo una lunga amicizia?
R: È stato inaspettato ma in realtà ci cercavamo da tempo. Ci informavamo l’uno dell’altro: ce lo siamo confessati dopo. Poi ci siamo incontrati a casa di amici a giugno 2015. È bastato un lunghissimo sguardo, che continua ancora.
D: Sogna di metter su una grande famiglia con bambini?
R: Assolutamente sì.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso