23 Marzo Mar 2016 1942 23 marzo 2016

Da Instagram al museo

Da ragazza normale che posta foto sui social ad artista emergente. Amalia Ulman racconta ai follower la vita di una donna che cambia personalità. Due gallerie le hanno chiesto di esporre i suoi scatti.

  • ...
Screen-Shot-2015-02-24-at-12.42.24-PM-700x360

Molti desiderano, in qualche momento della loro vita, costruirsi una nuova identità. E ogni abitudine o modo di essere che cambiamo viene costantemente aggiornato sui social network, i nostri diari personali. Ma attenzione. Non tutti i profili 'virtuali' corrispondono a personalità reali. È da questa idea che Amalia Ulman, 28enne che vive a Los Angeles, ha ideato un complesso lavoro artistico sul suo account Instagram. La ragazza ha infatti deciso di documentare sul social tre cambiamenti di personalità.

PRIMA RAGAZZA INGENUA, POI BAD GIRL
Ha iniziato postando foto da ragazza timida e insicura con coniglietti, sfondi color pastello e petali di rosa. Poi il primo cambiamento: foto più osè, selfie dove mostra il sedere allo specchio, la (finta) testimonianza di una ricostruzione al seno. A seguire la depressione, il pentimento e la nuova vita. Tutte le sue trasformazioni sono state seguite da incitamenti o insulti da parte dei suoi numerosi follower, che stavano intanto diventando inconsapevoli complici di una performance artistica studiata e destinata a essere esposta alla Tate e alla Whitechapel Gallery di Londra.

«ESSERE UNA DONNA NON È NATURALE»
A detta di Amalia, l'intento era più di una satira. «Volevo provare che la femminilità è una costruzione, e non qualcosa di biologico o che riguarda ciascuna donna. Il gioco che stavo facendo era quello di mostrare quanto essere donna non sia una cosa naturale. È qualcosa che impari», ha affermato.

DA SUGAR BABY AD ARTISTA AFFERMATA
In un'intervista al Telegraph la Ulman ha dichiarato di essere riuscita a fare il suo progetto grazie al lavoro di sugar baby durante gli ultimi anni di università: «Preferisco non parlare di questo. È stato un periodo molto duro, ma era comune tra le mie amiche fare la escort per guadagnare» ha confidato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso