17 Marzo Mar 2016 1859 17 marzo 2016

Ci pensa papà

Durante la prima visita ufficiale del premier canadese Trudeau alla Casa Bianca, le figlie di Obama hanno sfoggiato due abiti da circa 20 mila dollari l'uno. Scoppia la polemica, il presidente interviene.

  • ...
Cattura

L’11 marzo, in occasione della prima visita ufficiale del premier canadese Justin Trudeau alla Casa Bianca, Malia e Sasha, le figlie di Obama, (che debuttavano a una cena ufficiale), hanno sfoggiato un outfit tutt'altro che 'discreto'.

GLI ABITI DEL DEBUTTO
Gli abiti che le ragazze indossavano erano firmati dallo stilista indiano-americano Naeem Khan. Quello della maggiore, ricoperto di cristalli, è costato 17.990 dollari (poco più di 16mila euro), quello della minore, 19.900 (circa 18 mila euro), ed era accompagnato da orecchini di brillanti e collier.

LA POLEMICA
La notizia è stata riportata dai media americani, la maggior parte dei quali si sono chiesti chi abbia pagato gli abiti delle ragazzine. «Mamme, lascereste che le vostre ragazzine indossassero indumenti così costosi?», ha scritto su Twitter Kristen Sze, conduttrice del telegiornale della rete televisiva ABC da San Francisco. Ma i suoi followers non hanno apprezzato: alcuni hanno persino minacciato che non avrebbero più seguito il suo programma se non avesse cancellato il cinguettìo.

FORSE UN 'DONO'
Qualcuno pensa che, essendo pubblicità gratuita, la casa di moda abbia potuto donare o prestare gli abiti alle figlie del Presidente. Johanna Rosholm, l'addetta stampa di Michelle Obama, ha affermato che la first lady generalmente paga gli abiti che indossa, ma nelle occasioni ufficiali o di particolare rilevanza ne accetta alcuni in 'dono' da stilisti o designer. Gli stessi indumenti vengono poi conservati, come previsto dalla legge, negli 'archivi nazionali'.

LA 'DIFESA' DI OBAMA
«Le giovani sono sottoposte a enormi pressioni per quanto riguarda l'apparire in un certo modo. Ed essere carine in un certo modo. E stai indossando i vestiti giusti? E i capelli sono pettinati nel modo giusto. E quella pressione, penso sia stata storicamente sempre più forte sulle donne afroamericane che sulle altre», ha detto al Times il presidente americano, cercando di gestire la polemica e tutelare le figlie.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso