15 Marzo Mar 2016 1335 15 marzo 2016

Iran, l'uguaglianza passa anche dall'assicurazione

La nuova legge stabilisce che una donna, in caso di incidente, venga risarcita allo stesso modo di un uomo. Ma nel Paese la parità dei sessi viene ancora negata in caso di omicidi, delitti d'onore e in tutto il diritto familiare.

  • ...
IRAN

In Iran gli uomini e le donne sono uguali. Almeno per le assicurazioni. E quella che in qualsiasi Paese sarebbe una cosa del tutto scontata, ecco che nella Nazione del Medio Oriente diventa una notizia che ha il sapore di svolta storica. Perché la legge approvata a metà marzo 2016 segna di fatto un nuovo passo avanti verso l'uguaglianza giuridica tra i sessi nel Paese.

COSA CAMBIA
Prima di questo annuncio, dato da Nejatollah Ebrahimian, un giurista membro del Consiglio, in caso di incidenti stradali le assicurazioni pagavano la metà dei danni se la vittima era una donna. Il motivo è molto semplice: le assicurazioni pagavano di più per chi, attraverso il proprio lavoro, mantiene la famiglia. Ma nell'Iran del 2016 molte cose sono cambiate. «La giustificazione per l'uguaglianza di trattamento si basa sul fatto che molte donne sono capo-famiglia e, in caso muoiano in incidenti, i loro cari si troveranno in gravi difficoltà economiche», hanno spiegato giuristi iraniani. Insomma è una finta parità dei sessi, dato che tale riconoscimento è ancora negato in caso di omicidi, delitti d'onore e, in generale, in tutto il diritto familiare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso