3 Marzo Mar 2016 1850 03 marzo 2016

«La politica non risolve, peggiora»

L'ex dj, cantante, conduttore e imprenditore Francesco Facchinetti ha lanciato su Facebook un nuovo movimento il cui fine è guarire i mali del Paese «come facevano i nostri nonni: lavorando».

  • ...
Francesco-Facchinetti-656x437

Dj, cantante e conduttore. Poi imprenditore e talent scout, fino all'ultima scommessa: il lancio di un movimento (a)politico. È la sintesi dell'eclettica carriera di Francesco Facchinetti, figlio di Roby, tastierista dei Pooh.


IL MANIFESTO (A)POLITICO DELL'EX DJ
L'autore de La canzone del capitano, tormentone dell'estate 2003, ha infatti espresso, in un lungo post sulla sua pagina Facebook, la volontà di creare un movimento dove tutti sono «sullo stesso piano» e tutti hanno «potere di parola e decisione». Il suo è un vero e proprio manifesto. Quello che si sta formando, ha scritto, è «un movimento che non grida ma ascolta, che non condanna ma risolve, che non è statico ma si muove». Nel suo messaggio, Facchinetti ha voluto precisare che l'intenzione non è quella di «fare politica» perché questa, ha specificato, «al giorno d'oggi non risolve le cose, ma le peggiora». E ha aggiunto: «Ora la pianta è talmente marcia che se cerchi di guarirla finisci per ammalarti tu. Per cui abbiamo deciso di risolvere le cose come facevano i nostri nonni: lavorando».

«NON VOGLIO LA FAMA, PENSO AI MIEI FIGLI»
La scelta sarebbe conseguenza del cambiamento di prospettiva che l'ex dj ha vissuto in seguito alla venuta al mondo dei suoi figli (due già nati, uno in arrivo). Se prima la priorità era il raggiungimento della fama, ora è il lottare per garantire delle buone prospettive proprio a loro. E su questo Facchinetti si è voluto soffermare: «Essendo i miei figli italiani, allargherei il concetto a futuro di questo Paese».

COME FERRARI IN GARAGE
Ma il neo-leader pensa anche ai giovani di belle speranze che paragona, nel post, a delle Ferrari chiuse in garage. Sì. «Sanno di essere potenzialmente pronti per vincere il Gran Premio ma nessuno vuole aiutarli. Io invece lo voglio fare!», ha promesso.

«SCEGLIETE IL NOME DEL MOVIMENTO CON I LIKE»
Fedele all'intenzione di creare un gruppo che fa della partecipazione e della condivisione la sua filosofia, Facchinetti ha poi chiesto ai suoi followers di contribuire alla scelta del nome. Come? Mettendo un 'like' su uno dei cinque titoli arrivati alla «finalissima»: i fieri e patriottici Vera Italia e Fondazione Italiana Giovani Ambasciatori, i 'sensibili' Volare e Sento; e il più anticonformista DaFra.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso