2 Marzo Mar 2016 1148 02 marzo 2016

«Noi, atlete poco sexy, senza sponsor»

La denuncia alla Bbc della campionessa di surf Silvana Lima: «Le aziende sportive non mi sostengono perché non ho un corpo da copertina. I miei colleghi maschi? Non hanno questo problema».

  • ...
lima

Ha fatto del surf la sua vita e la sua professione, Silvana Lima:  è stata otto volte campionessa del Brasile e due volte del World Tour. Riconoscimenti prestigiosi, che però non sono sufficienti per ricevere sponsor nel mondo dello sport. Il motivo è scoraggiante, spiega lei, 31enne brasiliana, alla Bbc: non è abbastanza bella.
Non importa se è la la più forte surfista del Brasile nonché una delle migliori al mondo: gli sponsor latitano. Perché è sì una sportiva, ma non ha un corpo da modella.

LE ATLETE NON SONO MODELLE
«Queste cose non accadono nel mondo maschile, i miei colleghi non hanno questo problema. Avrei potuto rifarmi il seno, mettermi lentine colorate, ma sarei stata diversa da chi sono veramente e non voglio snaturarmi», ha raccontato.
Gli sponsor non possono puntare sulla sua sensualità. Così Silvana, per continuare la sua professione, ha pensato al crowdfunding, lanciando nel 2014 la campagna Silvana free: una raccolta fondi e finanziamenti online grazie alla generosità dei fan. Sul sito che spiegava l'iniziativa scrisse una frase emblematica: «Le spiagge non sono passerelle, le atlete non sono modelle».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso