1 Marzo Mar 2016 1952 01 marzo 2016

Se il Corano esige l'orgasmo

La dottoressa Heba Kotb, musulmana e conservatrice, da ormai dieci anni risponde alle domande sulla vita intima che le vengono poste dai fedeli islamici. E lei ricorda che il libro sacro permette alle donne insoddisfatte di divorziare.

  • ...
hebakotb

Sesso e Islam. Due parole che suggeriscono, a prima vista, un rapporto problematico, irrisolto. Ma le vie islamiche al piacere esistono, eccome. Ne è certa la dottoressa Heba Kotb. Egiziana, credente, conservatrice e vero e proprio punto di riferimento per decine di fedeli, uomini e donne, che si interrogano su ciò che è lecito e cosa no nelle alcove benedette da Allah. Il suo messaggio non lascia dubbi: «Il sesso è un dono di Allah, fatelo con grande passione, in nome di Dio».

ORGASMO O DIVORZIO
Intervistata da Vanity Fair, la dottoressa Kotb sottolinea alcuni passi del Corano inequivocabili. Come quello, ad esempio, che prevede la possibilità, per le donne, di divorziare da un uomo incapace di portarle all'orgasmo. Quest'ultimo, spiega, è ormai considerato alla stregua di un privilegio maschile. Per questo motivo, le credenti islamiche si sentono inibite e di conseguenza non sono in grado di godere appieno della propria vita intima e di coppia.

UN SUCCESSO DECENNALE
Attenzione, però, a dipingere la dottoressa Kotb come una paladina progressista che concilia fede e libertà individuali: nonostante l'estrema disinvoltura con cui affronta tematiche scottanti come fellatio e cunnilingus, le varie posizioni e l'orgasmo femminile, ogni discorso sull'omosessualità, che considera come una vera e propria malattia, è bandito. Ma l'apertura al sesso della dottoressa Kotb ha comunque scosso le coscienze del mondo islamico, da un lato e dall'altro. I più conservatori temono l'effetto delle sue parole sui giovani e la loro precoce scoperta della sessualità, mentre le femministe rifiutano un approccio teologico al sesso. Ma il successo di Kotb, ormai decennale, continua. E la sua popolarità non dà segni di cedimento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso