17 Febbraio Feb 2016 1119 17 febbraio 2016

Quando la letteratura si fa cinema

Alla Berlinale arriva Genius, film che racconta il rapporto tra Mark Perkins, editore di Hemingway e Scott Fitzgerald, e lo scrittore Wolfe. Jude Law e Colin Firth sul red carpet: le foto.

  • ...
Genius - Premiere - 66th Berlin Film Festival

Al Festival di Berlino il 16 febbraio quasi tutti gli occhi erano puntati sul cast di Genius, pellicola diretta da Michael Grandage e interpretata da due sex symbol come Jude Law e Colin Firth. Un film che ha raccontato il rapporto tra Mark Perkins, editore di autori come Ernest Hemingway e Francis Scott Fitzgerald, e lo scrittore Thomas Wolfe.

FIRTH INNAMORATO DI FITZGERALD
«Mi sono innamorato dei romanzi di Fitzgerald», ha detto Colin Firth, che ha riletto Hemingway e scoperto l'autore del Grande Gatsby proprio su questo set. «Lo avevo trascurato in giovinezza. Thomas Wolfe e Max Perkins sono il punto di partenza ideale, per riscoprire questa meravigliosa letteratura», ha raccontato. Ambientato nel 1929 a New York, il film di Michael Grandage, presentato in concorso alla Berlinale, è tratto da una storia vera e dalla biografia Max Perkins: Editor of Genius di Andrew Scott Berg: il rapporto intenso di lavoro, di amicizia e infine lo scontro, fra uno scrittore e il curatore editoriale che lo scopre e lo lancia verso il successo. Il primo è appunto Thomas Wolfe, autore di romanzi come Angelo, guarda il passato e Il Fiume e il tempo: uno Jude Law nel ruolo dell'artista genio, narciso e spietato accompagnato da un'amante bella e delusa, Alina, Nicole Kidman. Il secondo è Max Perkins, il curatore editoriale della Scribner's che ebbe il merito di far leggere al mondo Hemingway e Francis Scott Fitzgerald: lui è Colin Firth, come sempre abbottonato nel suo abito grigio.

ANCHE SPIKE LEE E MICHEAL MOORE
Il 16 febbraio alla Berlinale è stato anche il giorno di Michael Moore e Spike Lee. Il regista di Farhrenheit 9/11  ha presentato Where to invade next, film con cui vuole dimostrare che, fuori dagli Stati Uniti, in altri Paesi del mondo, sono già state trovate soluzioni ai problemi che affliggono gli americani.  Mentre Spike Lee ha portato al Festival Chi-Raq, il musical ispirato alla «Lisistrata» di Aristofane in cui affronta il tema della violenza che dilaga nei quartieri neri di Chicago. Solo lo sciopero delle donne può fermare la faida tra le gang criminali e il conseguente aumento di giovanissime vittimw.  Il film drammatico e al tempo stesso musicale di Lee - completamente prodotto dagli Amazon Studios - è una denuncia alla violenza e al ruolo che le armi hanno in America.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso