8 Febbraio Feb 2016 1503 08 febbraio 2016

Starbucks, in Arabia Saudita le donne rimangono fuori

Il singolare divieto è stato preso nella capitale del Paese con tanto di cartello esposto fuori dal negozio. Il motivo, secondo la catena statunitense di caffetterie, sarebbe il crollo della parete che separa maschi e femmine.

  • ...
sturb-kr6E-U107016432541PjB-1024x576@LaStampa.it

«Ingresso vietato alle signore, per favore, mandate l’autista a ordinare, grazie». Non si tratta di uno scherzo di cattivo gusto, ma di una scritta tanto reale quanto sconcertante. Ed ecco che il cartello esposto fuori dallo Starbucks nella via centrale di Riad (capitale dell'Arabia Saudita) è stato prontamente fotografato e postato sui social con tanto di hashtag #BoycottStarbucks. A pubblicare l'immagine su Twitter è stata una signora che si è definita contrariata e offesa dall'iniziativa adottata dalla catena di caffetterie: «Mi hanno proibito di entrare e intimato di mandare al mio posto un uomo!», ha scritto.

LA SPIEGAZIONE
Intanto l’azienda americana ha cercato di spiegare che il divieto nel suo caffè di Riad era solo temporaneo. Il motivo? Il crollo della parete divisoria che separa la sala riservata alle donne da quella degli uomini. L’ordine di impedire l'ingresso alle donne è arrivato dal Comitato per la promozione della Virtù e la Prevenzione del Vizio, che regola la vita sociale nel Regno guidato da Salmān. Un portavoce di Starbucks ha poi precisato che il locale, portati a termine i lavori di ristrutturazione, potrebbe tornare molto presto a disposizione di tutti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso