11 Gennaio Gen 2016 1914 11 gennaio 2016

Peperoni e latte, la pazza dieta del Duca Bianco

Nel suo frigo a Los Angeles non mancavano mai nel suo periodo di massima dipendenza dalla droga. Ma amava anche la pasta, le uova crude e le banane verdi giamaicane: le abitudini alimentari di Bowie.

  • ...
bowie2

Com'era il rapporto di David Bowie con l'alimentazione? Pittosto bizzarro, naturalmente.
«Cercava sempre di convincermi che non aveva fame», ha raccontato Corrine Coco Schwab, la sua assistente personale, «per fargli finire un piatto dovevo obbligarlo, come si fa con i bambini». Tuttavia, il suo ritorno a una vita normale dopo gli anni della droga è passato anche attraverso il cibo. Il Corriere della Sera ha riportato la lista delle abitudini alimentari più particolari del Duca Bianco.

PEPERONI ROSSI E LATTE
La dieta estrema dell'artista negli anni della sua trasformazione nel «Duca bianco» è diventata celebre dopo il 1976, anno dell’uscita dell’album Station to station: in quel periodo Bowie dormiva pochissimo e nel frigo della sua casa di Los Angeles non mancavano mai solo peperoni rossi e latte. Un regime alimentare chiaramente insostenibile a cui l'artista si era abbandonato a causa della grave dipendenza dalla cocaina.

BANANE VERDI E UOVA CRUDE
Ma il suo piatto preferito erano le banane verdi giamaicane che acquistava al mercato di Brixton quando abitava a Londra, e che mangiava leggermente arrostite alla brace. Mentre una volta trasferitosi a Berlino, dopo aver iniziato la disintossicazione alla fine degli anni '70, la sua giornatata iniziava con due uova crude per colazione.

L'AMORE PER LA PASTA
Il 6 giugno 1992 Bowie sposa a Firenze la top model Iman: «Non so come faccia a cucinare tre pasti al giorno e a non essere mai stanca», raccontò all'epoca. «Comunque la sua pasta è favolosa. Adoro il cibo italiano». Pasta a parte, la signora Bowie gli preparava spesso anche un piatto tipico inglese che il Duca Bianco amava particolarmente:, la shepherd’s pie ripiena di carne d’agnello, funghi, fagioli piccanti e purè di patate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso