31 Dicembre Dic 2015 1058 31 dicembre 2015

Loro la violentano e lei si suicida

Una ragazza indiana di 16 anni è stata stuprata da due giovani unicamente per vendicare una sconfitta politica. La giovane, dopo aver sporto vanamente denuncia, ha preferito impiccarsi nella casa dove abitava.

  • ...
463745779_144a60fcb6_z

Rapita e violentata da due giovani. Questo solo per vendetta nei confronti della madre che aveva vinto le elezioni locali a Mirzapur, in India. Così, una ragazza di 16 anni ha preferito impiccarsi dopo le umiliazioni e i ripetuti abusi sessuali subiti.

IL RAPIMENTO
Il 23 dicembre 2015 la giovane è stata prelevata con la forza dalla sua abitazione mentre dormiva. Nonostante le richieste d'aiuto i due aguzzini sono riusciti a portarla di nascosto in un campo dove la 16enne è stata a lungo violentata. Al termine degli abusi, disperata e in preda allo choc, è riuscita a tornare a casa. Qui, dopo aver raccontato tutto alla madre, si è recata al dipartimento di polizia locale per sporgere denuncia contro i due stupratori. Nonostante i segni evidenti della violenza subita, gli agenti non hanno dato peso al racconto della ragazza che è stata rimandata a casa solo con una manciata di rassicurazioni.

IL SUICIDIO
Rassicurazioni che non sono bastate alla 16enne che il 25 dicembre 2015 ha deciso di togliersi la vita impiccandosi in casa. Il gesto estremo della giovane ragazza indiana ha portato la polizia a mettersi sulle tracce degli stupratori. Dopo brevi indagini le forze dell'ordine del Paese hanno individuato i due uomini. Si tratterebbe dei cugini del candidato uscito perdente dalle elezioni vinte dalla madre della vittima. La notizia è stata ampiamente ripresa dal Times of India che sulle sue pagine ha sostenuto come la ragazza sia stata violentata per vendicare una semplice sconfitta politica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso