23 Dicembre Dic 2015 1515 23 dicembre 2015

Quando i musulmani dicono: «Buon Natale»

La federazione islamica del Veneto ha comprato una pagina di giornale per fare gli auguri ai cristiani: «Preghiamo Iddio affinché regni la Pace e la Misericordia».

  • ...
pag

Il tentativo dello Stato Islamico di creare divisione e fomentare l'odio tra cristiani e islamici non sempre va a buon fine. In un anno, il 2015, denso di orrori e tragedie, un forte segnale di pace arriva dal Veneto. Dopo 457 anni dall'ultima volta, il calendario islamico (secondo il quale la data di nascita di Maometto varia di anno in anno) fa sì che il 'compleanno' di Gesù e quello del profeta musulmano coincidano.
La Federazione islamica veneta ha così deciso di cogliere l'occasione per fare gli auguri di Natale anche ai cristiani acquistando una pagina di giornale. L'ideatore dell'iniziativa e presidente della comunità musulmana di Venezia Mohamed Amin Al Ahdab, ha dichiarato che questo gesto serve a sottolineare «che chi semina terrore non vince. Anzi, sta già perdendo». Sul foglio, sotto alla scritta in arabo e al capitolo del Corano che parla dell’Annunciazione, si legge: «Nel ricordo della nascita del Messaggero di pace Gesù Cristo i musulmani del Veneto augurano buon Natale a tutti gli uomini di buona volontà e specialmente ai fratelli cristiani. Pregando Iddio affinché regni la Pace e la Misericordia». Il testo è accompagnato da un'immagine che risponde ai dettami dell’iconografia del Cristianesimo: Betlemme, la stella cometa e, al centro, il presepe.

UN'OCCASIONE CHE UNISCE
«Vogliamo dire ai cristiani di essere profondamente cristiani, il presepe non ci dà fastidio», ha affermato Kamel Layachi, rappresentante delle comunità islamiche del Veneto. Il fatto che il Natale e il Mawlid (questo il nome del giorno che celebra la nascita di Maometto) arrivino insieme «è una coincidenza non casuale, un’occasione per riflettere assieme, un motivo in più per raddoppiare lo sforzo in favore di un futuro comune. Gesù è una figura centrale nell’Islam e un intero capitolo del Corano, il terzo, è dedicato alla famiglia di Maria», ha aggiunto l'imam.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso