18 Dicembre Dic 2015 1956 18 dicembre 2015

Le inglesi giocano in lingerie

Per rendere il calcio femminile più interessante, una squadra inglese ha deciso di scendere in campo in mutandine e reggiseno. L'iniziativa è di Gemma Hughes, che assicura: «Nessuno scandalo, ma aiuta a vendere»

  • ...
135955808-672f1ce8-68c1-46ae-a830-f8fc2933c836

Come rendere il calcio femminile più interessante? Per Gemma Hughes, fondatrice della Lingerie Football League nel Regno Unito, la risposta è semplice: giocando in reggiseno e mutandine. L'idea ha suscitato molte polemiche nell'opinione pubblica e i promotori dell'iniziativa sono stati accusati di sessismo, ma la Hughes è sicura della sua scelta: «L'attenzione dei media aiuta a vendere biglietti e non c'è nulla di scandaloso anche perché le calciatrici si vestono da donne», ha dichiarato. Non è la prima volta che qualcuno inciti le calciatrici a svestirsi per rendere il football femminile più attraente. Il presidente della FifaJoseph Blatter, che per la stessa proposta aveva ricevuto pesanti critiche, oggi trova supporto in una donna.
Già nel 2014 si erano tenuti in Olanda i Mondiali delle calciatrici in lingerie che però non erano stati presi molto sul serio dagli addetti ai lavori nonostante l’arbitro fosse l’ex giocatore dell’InterAndy Van der Meyde.

LA DISCRIMINAZIONE DELLE CALCIATRICI IN ITALIA
Anche il calcio femminile italiano non vive una situazione rosea, considerato spesso, dai vertici, uno sport per soli uomini. A causa di vecchi stereotipi e pregiudizi, infatti, le donne 'del pallone' nel nostro Paese devono spesso confrontarsi con discriminazioni di natura sessuale che ne inficiano la credibilità di sportive ricadendo, inevitabilmente, anche sui loro guadagni, che sono minimi: «I diritti delle atlete non hanno nulla a che fare con il loro orientamento sessuale. Il guadagno economico delle donne in questo settore è assolutamente imparagonabile a quello dei calciatori. Siamo davanti a episodi discriminatori che non sono più accettabili nel 2015.», ha dichiarato Luisa Garribba Rizzitelli, presidente dell’Associazione Nazionale Atlete.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso