15 Dicembre Dic 2015 1824 15 dicembre 2015

Il parto si fa in quattro

All'ospedale Gaslini di Genova sono nati alla 31esima settimana di gravidanza quattro gemellini: due femmine identiche e due maschi altrettanto uguali. Si tratta del primo caso in Italia di parto quadrigemellare.

  • ...
Ospedale Gaslini

Vittoria, Costanza, Geremia e Marcoantonio. Si chiamano così i quattro gemellini nati il 4 dicembre 2015 all'ospedale Gaslini di Genova. Si tratta del primo caso in Italia di una coppia di femmine identiche e una di maschi altrettanto uguali. Nonostante il basso peso, i quattro bambini sono nati alla 31esima settimana di gravidanza, le loro condizioni sono buone.

FECONDAZIONE ASSISTITA
A causa di un problema di infertilità la coppia era ricorsa alla fecondazione assistita. Dopo alcune settimane dal trasferimento dell'utero della donna di due blastocisti è stato notato che entrambi gli embrioni erano andati incontro a divisione. Così da possibile gravidanza bigemina si è passati a una quadrigemina. Alla coppia era stata illustrata anche la possibilità dell'interruzione selettiva della gestazione per evitare possibili rischi dovuti a una gravidanza multipla. Nonostante il parere dei medici, la coppia di genitori ha deciso di portare comunque a termine il parto.

GRAVIDANZA CORAGGIOSA
Così quella che per molti si trattava di una gravidanza coraggiosa oltre che pericolosa, si è in realtà trasformata in un regalo immenso per i due novelli genitori. «I piccoli stanno bene, tutti hanno cominciato ad alimentarsi con il sondino, non hanno quasi più bisogno di aiuto respiratorio e i primi esami di ecografia celebrali sono perfettamente normali», ha spiegato Dario Paladini, responsabile di medicina e chirurgia fetale del Gaslini. «Si è trattato di un parto unico che per la prima volta si è verificato in Italia oltre che in Europa. Per quanto noto sono nate solo due coppie di gemelli identici, due placente e quattro sacche amniotiche. Un caso rarissimo», ha proseguito il medico al Corriere della Sera. Il parto cesareo a cui la quattro volte mamma è stata sottoposta è stato possibile solo grazie alla creazione di una equipe formata da 16 professionisti tra medici, infermieri, anestesisti e ostetriche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso