16 Novembre Nov 2015 1315 16 novembre 2015

Isobel, che per restare in vita si è finta morta

«Trattenevo il respiro e stavo immobile: non volevo che quegli uomini vedessero la mia paura». Il racconto di una studentessa 22enne che la tragica sera del 13 novembre si trovava al Bataclan di Parigi.

  • ...
isobel

«Era un normalissimo venerdì sera a un concerto rock, ridevamo, ballavamo». Inizia con queste parole il racconto affidato a un post su Facebook di Isobel Bowdery, 22enne sudafricana sopravvissuta alla strage del Bataclan che ha terrorizzato Parigi e la Francia il 13 novembre. Isobel ha raccontato le grida di terrore che ha sentito, le pozze di sangue che è stata costretta a vedere. E ha pubblicato la foto della maglietta ancora insanguinata che indossava quella della maledetta sera mentre ascoltava il concerto degli Eagles of Death Metal: «Non è stato solo un attacco terroristico, è stato un massacro», scrive. Nel suo post, che ha raccolto 750 mila condivisioni, Isobel racconta di essersi finta morta per più di un'ora. «Trattenevo il respiro, cercavo di non muovermi e di non piangere, non volevo che quegli uomini vedessero la mia paura. Fortunatamente sono sopravvissuta, ma per molti non è stato così».


DOBBIAMO VIVERE PER CHI NON POTRÀ PIÙ FARLO
«Il fatto di essere sopravvissuta», continua, «mi permette ora di far luce sugli eroi di questa vicenda: l'uomo che ha rischiato la vita per tenermi al sicuro, la coppia che si scambiava le ultime parole d'amore e le persone che mi hanno consolato nei 45 minuti in cui pensavo che l'uomo che amavo fosse morto. E poi gli abitanti della zona che hanno aperto le loro case ai feriti e tutti quelli che mi hanno inviato messaggi di supporto. Grazie, è da queste cose che riesco a credere in un mondo migliore». «La notte scorsa», conclude Isobel, «la vita di molte persone è cambiata. Ma non lasciamo che tanta malvagità vinca. Spetta a noi essere migliori. Spetta a noi vivere la vita che queste vittime innocenti sognavamo, ma non saranno più in grado di vivere. Riposate in pace, angeli».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso