6 Novembre Nov 2015 1915 06 novembre 2015

Una terapia miracolosa per Layla

Una bambina di appena un anno, condannata a morte a causa di una grave forma di leucemia, è guarita grazie a una cura sperimentale che modifica le cellule del Dna. È la prima volta che questo trattamento viene provato su un essere umano.

  • ...
chemioterapia-scoperta

Le avevano diagnosticato una forma particolare di leucemia, incurabile, mortale. Ma Layla Richards, una bimba di un anno, oggi sta bene ed è tornata a casa con la sua famiglia. Tutto merito di una terapia genica, basata su una tecnica di riscrittura del Dna.

LA TERAPIA
La tecnica, sperimentata al momento solo sui topi, è stata applicata su Layla per uso compassionevole. Nessuno si aspettava che potesse guarire e debellare quel tumore che la stava strappando all'affetto dei suoi cari. La bimba, che si era ammalata dopo appena tre mesi dalla nascita, è stata sottoposta ad una innovativa terapia genica per modificare la molecola della vita. I medici, attraverso le cellule immunitarie geneticamente modificate di un donatore sano, hanno iniettato nella bambina un cocktail di linfociti T che hanno distrutto ogni traccia del tumore. In seguito Layla è stata sottoposta a trapianto di midollo per permettere al suo organismo di rinforzare il proprio sistema immunitario.

UN MIRACOLO
Il professore Paul Veys, direttore del centro per il trapianto del midollo al Ghosh, ha parlato di un quasi miracolo per la bambina. «Non volevamo accettare le cure palliative e lasciare andar via la nostra bambina, per questo abbiamo detto ai dottori di tentare il tutto per tutto, anche qualcosa di mai tentato prima», ha spiegato mamma Lisa. E così i medici hanno proposto alla coppia il tentativo della terapia genica. La cura era stata offerta alla coppia come un vero salto nel buio. Un salto che i genitori di Layla hanno voluto fare ad occhi chiusi. «Ci faceva paura pensare che quel trattamento non fosse mai stato usato prima su un essere umano, ma non abbiamo avuto dubbi: lei era malata, soffriva molto e dovevamo fare qualcosa», ha aggiunto papà Ashleigh.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso