26 Ottobre Ott 2015 1957 26 ottobre 2015

Tutta la famiglia in un letto

In Texas Elizabeth e il marito Tom dormono insieme ai loro cinque figli. «Viaggiamo molto, e quando torniamo a casa staccare i bambini da noi è un'impresa». Ma sui social la scelta della coppia è stata bersagliata dalle critiche.

  • ...
letto

Tutta la famiglia in un letto solo. Si chiamano Elizabeth e Tom Boyce, vivono in Texas e sono una coppia felice.
Hanno cinque figli (da uno a 11 anni) e hanno scelto di dormire tutti assieme. L'immagine del letto «a sette posti», postata su Facebook dalla coppia, in poche ore ha fatto il giro del web. Così come la loro storia raccontata anche sul blog WanderlingTheWorldBelow.
«Viaggiamo moltissimo» - ha scritto Elizabeth - «e ogni volta ci adattiamo a spazi piccoli, che siano un'unica camera da albergo per tutti o un camper. Ma ogni volta che tornavamo a casa era un'impresa staccare i bambini da noi». Inoltre il marito Tom è disabile, e di notte spesso ha bisogno di assistenza, così come i bambini. «Stare vicina a tutti loro mi rende il compito più semplice», ha raccontato la super mamma.
Come hanno fatto a costruire un letto del genere? Semplice: assemblando parti di letti Ikea.

CRITICHE E INSULTI SUI SOCIAL
Ma non tutti hanno apprezzato la scelta della coppia texana. Sui social network diversi utenti hanno criticato Tom ed Elizabeth, addirittura insinuando che i genitori vogliano abusare dei loro bambini. «Credo che le persone giudichino troppo, e abbiano troppo odio. Pensavo onestamente che la gente fosse più gentile di quanto in realtà si è dimostrata», è lo sfogo di Elizabeth in un video su Youtube in cui scoppia in lacrime. «Forse è la natura dei social media, ti fa dimenticare che c’è una persona vera dietro alla storia che commenti. Mi hanno detto che sto abusando i miei figli, che sto distruggendo la loro crescita. Ma sono scelte personali, nessuno ha il diritto di commentarle con questa cattiverie, il fatto di aver messo quelle foto su Facebook non autorizza nessuno a odiarmi così».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso