21 Ottobre Ott 2015 1735 21 ottobre 2015

Torino, muore di parto a 26 anni

Per complicazioni durante il travaglio, è stata sottoposta a un taglio cesareo d'urgenza, ma ha subito due arresti cardiaci. Fatale il secondo. Aperta un'inchiesta per omicidio colposo.

  • ...
parto

Dramma nel torinese, dove una giovane donna di appena 26 anni - di origini brasiliane - è morta durante il parto all'ospedale Agnelli di Pinerolo. A causa di complicazioni emerse durante il travaglio, è stata sottoposta a un taglio cesareo d'urgenza, ma i medici sono riusciti a salvare soltanto la sua bambina, trasportata all'ospedale Santa Croce di Cuneo per una grave crisi respiratoria.

INDOTTO IL TRAVAGLIO
La 26enne ha subito due arresti cardiaci, il secondo fatale.  Lo ha reso noto la Direzione generale dell'Asl To3, «immediatamente intervenuta» - si legge in una nota - «per analizzare nel dettaglio il percorso clinico seguito dalla paziente per accertare le possibili cause di decesso e verificare la correttezza clinica dell'operato di medici ed operatori». La paziente è stata ricoverata lunedì 19 ottobre alla 41esima settimana di gravidanza. Non aveva contrazioni spontanee, così il giorno successivo le è stato indotto il travaglio. «Una procedura», ha precisato la Asl, «normalmente eseguita in questi casi».

FATALE IL SECONDO ARRESTO CARDIACO
Alle 5.20 della mattina del 21 ottobre la donna ha chiamato l'ostetrica, lamentando che «alle contrazioni si associavano stimoli di spinta al parto». L'ostetrica, dopo aver trovato la paziente in bagno, l'ha invitata a recarsi a letto per effettuare un nuovo tracciato cardiotocografico. Ma la giovane ha subito dopo perso conoscenza. Sono scattate le operazioni rianimatorie, mentre è stata trasferita nella sala cesarei, dove il secondo arresto cardiaco le è stato fatale.

INCHIESTA PER OMICIDIO COLOPOSO
Sull'accaduto indagano i carabinieri, che hanno sequestrato le cartelle cliniche. La procura di Torino ha aperto un'inchiesta per omicidio colposo e sul corpo della giovane è stata disposta l'autopsia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso