15 Ottobre Ott 2015 1307 15 ottobre 2015

Arrestata perché parlava di sesso

Una conduttrice televisiva egiziana è stata denunciata alla Procura del Cairo per corruzione della morale dei giovani. Il motivo? Ha dichiarato che vedere film pornografici aiuta ad avere un migliore rapporto con il proprio partner.

  • ...
2015-635803489741489504-148-kHlD-U10601726104765n5G-700x394@LaStampa.it

Entsar, uno dei volti più noti della tivù egiziana, è finita in manette a causa di sue alcune frasi inerenti al sesso e alla pornografia. Dopo le dichiarazioni della donna, così, la Procura del Cairo ha aperto un'inchiesta criminale a carico della conduttrice del programma notturno al femminile Nafsana in onda sulla rete Al-Qahira Wa El-Nas.

PENSIERO INNOVATIVO
In una delle ultime puntate della trasmissione, Entsar ha detto che spesso le capita di guardare film pornografici da sola o con il suo partner. «Tutte le coppie dovrebbero farlo prima di sposarsi per avere un matrimonio migliore. Guardare sesso in tivù ha effetti positivi sulla vita di due persone che stanno insieme», ha spiegato la conduttrice. Frasi innovative per un Paese dove la sessualità è ancora considerata come un tabù. A sottolineare l'arretratezza dell'Egitto in materia, la donna ha aggiunto: «Penso che l’educazione sessuale dovrebbe entrare nei curriculum scolastici».

L'ARRESTO
Il risultato di queste innovative dichiarazioni è stato una raffica di denunce alla Procura del Cairo per tentata corruzione della morale dei giovani. A seguito delle continue segnalazioni la magistratura egiziana ha prontamente aperto l’indagine incriminando la conduttrice televisiva. Entsar, così, insieme ai suoi ospiti presenti alla trasmissione e al proprietario della tivù (Tarek Nour), è attesa davanti ai giudici per difendersi dalle accuse ricevute. La donna, tuttavia, sembra intenzionata a dare battaglia legale e a difendere le sue posizioni. «Non c'è nulla di male nella pornografia. È qualcosa che  va visto perché aiuta ad avere un rapporto normale con il sesso», ha aggiunto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso