14 Ottobre Ott 2015 1754 14 ottobre 2015

«Ecco perché vendiamo il nostro latte»

Sempre più donne commerciano online il nutrimento dei loro bambini. I medici tuttavia lanciano l'allarme per la salute dato che molti campioni contengono un batterio fatale per i neonati.

  • ...
Mother breast feeding baby son

La vendita del latte materno online sta diventando sempre di più un business redditizio tra le neo mamme del nuovo millennio. Questo accade soprattutto tra le donne inglesi e americane. Le prime chiedono circa una sterlina per 30 grammi di latte, le seconde, per la stessa quantità, due dollari. La BBC ha voluto indagare sui motivi che spingono molte donne a farsi largo in questo nuovo mercato.

TROPPA BUROCRAZIA
Tra le donne che la rete televisiva pubblica inglese ha intervistato c'è Jade Biddle, ventiduenne di Leominster (Regno Unito) e mamma di un bimbo di sette mesi. «Avevo pensato a una donazione in ospedale, ma bisognava superare una selezione, e io non ne avevo voglia. Così ho pensato che potevo vendere quello in più che producevo», ha spiegato la giovane che pubblica i suoi annunci sul sito Only The Breast. Il suo primo acquirente è stato un uomo di 50 anni. La giovane spiega come le richieste maggiori arrivino proprio dal genere maschile. Una cosa strana, è vero, ma che non sembra infastidire Jade: «I miei amici quando hanno saputo della mia attività hanno detto che non dovevo farlo, perché non sapevo per cosa l’avrebbero utilizzato. Ma finché la cosa non coinvolge me, non mi interessa». Poi ha aggiunto: «Ho intenzione di farlo il più a lungo possibile». Proprio come Jade, anche altre donne vendono il loro latte principalmente per incrementare le loro entrate.

ALLARME MEDICO
I medici comunque sconsigliano la compravendita del latte materno. Anzi, hanno segnalato come i maggiori fruitori di questo mercato siano feticisti, culturisti e malati di cancro. Tuttavia la sua assunzione indiscriminata potrebbe essere dannosa per la salute. Un’inchiesta della BBC, infatti, ha dimostrato che in diversi campioni di latte materno acquistati online si trovava un batterio che ha provocato la morte di alcuni bambini a Belfast tre anni fa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso