5 Ottobre Ott 2015 1322 05 ottobre 2015

Non chiamatela star, è inglese

In cinque punti la brillante carriera di Kate Winslet che ha appena compiuto 40 anni. Da Titanic a Steve Jobs, passando per il premio Oscar, ecco tutto quello che c'è da sapere sull'attrice.

  • ...
2015 Toronto International Film Festival - The Dressmaker Premiere - Arrivals

40 anni di stile ed eleganza. 20 di una carriera invidiabile e ricca di successi. Kate Winslet festeggia così un doppio traguardo. In attesa di vederla nei panni della marketing manager di Macintosh nel nuovo film del regista premio Oscar Danny Boyle al fianco di Michael Fassbender nelle vesti di Steve Jobs, ripercorriamo in cinque punti la storia umana e professionale di un'attrice che ha detto no al botox e all'ossessione del peso forma perfetto.

TITANIC, IL PALCOSCENICO MONDIALE
Nata il 5 ottobre del 1975 a Reading nel Berkshire da una coppia di attori teatrali, a 17 anni Kate Winslet viene scelta da Peter Jackson tra 175 attrici per prestare il volto alla protagonista di Creature del cielo, il primo film importante della giovane Kate. Dopo alcune serie tv britanniche e dopo aver ottenuto la prima candidatura agli Academy Award per il ruolo di Marianne in Ragione e Sentimento, arriva il film che le cambia la vita. Nel 1997 viene selezionata da James Cameron per la parte di Rose, la protagonista femminile del blockbuster Titanic accanto a un giovanissimo Leonardo di Caprio, con cui instaura un'amicizia che dura tuttora. Per l'interpretazione della bella e ricca donna aristocratica Kate Winslet ottiene la sua seconda nomination agli Oscar. Per evitare di cadere nella trappola dei film ad alto budget con grandi produzioni, dopo il successo planetario di Titanic rifiuta la parte di protagonista in Anne and the King e in Shakespeare in Love e sceglie di dedicarsi al cinema indipendente.

IL FILM PIÙ IMPORTANTE E IL PREMIO OSCAR
Nel 2003 Kate Winslet gira insieme a Jim Carrey e sotto la regia di Michel Gondry  Se mi lasci ti cancello, il film di cui ha dichiarato più volte di andare più fiera. Pubblico e critica osannano l'interpretazione dell'attrice che ottiene la sua quarta candidatura agli Oscar. Nel 2004 è il momento di Neverland di Marc Foster a fianco di Johnny Depp e basato sul romanzo che ha ispirato Peter Pan. Nel 2006 compare addirittura in quattro film: Romance & Cigarettes, Tutti gli uomini del re, Little Children (per cui riceve la quinta nomination agli Academy) e L'amore non va in vacanza. Nel 2007 Kate Winslet torna a girare un film con l'amico Leonardo di Caprio, Revolutionary Road, per la regia del marito Sem Mendes e grazie al quale vince il Golden Globe. Ma è il 2008 l'anno della consacrazione definitiva. L'attrice inglese porta a casa la statuetta come migliore attrice protagonista per The Reader agli Oscar, ai Golden Globe e ai BAFTA. 

VITA PRIVATA
Tre mariti e tre figli. La vita privata di Kate Winslet è sempre stata parecchio movimentata. Sposata in prime nozze con Jim Threapleton, assistente di regia di Un treno per Marrakech dove la giovane attrice recitava, ha avuto da lui la primogenita Mia che oggi ha 15 anni. Nel 2003 la protagonista di Titanic ha sposato il regista Sam Mendes da cui ha avuto il secondo figlio Joe Alfie, ma dopo sette anni il matrimonio è naufragato. Il 5 dicembre 2012 è convolata a nozze con il terzo marito Ned Rocknroll, nipote del patron di Virgin Richard Branson. A portarla all'altare è stato l'amico di una vita Leonardo di Caprio. «Sono l'unica bionda che può dire di essere stata solo amica di Leo», aveva dichiarato l'attrice dopo i rumors su una presunta relazione tra i due. Nel 2013 è nato l'ultimogenito di Kate Winslet, il piccolo Bear.

NO A BOTOX E DIETA
Del tempo che passa Kate Winslet non pare preoccuparsi, anzi più di una volta ha dichiarato di essere fermamente contraria alla chirurgia estetica tanto utilizzata a Hollywood. «Non voglio congelare la mia faccia con il botox», ha detto in un'intervista. Con alcune sue colleghe ha addirittura fondato un club contro questo tipo di trattamenti. Anche alle sue curve la bella quarantenne non pare prestare troppa attenzione. «Non sono mai stata filiforme e non ho tempo da perdere a preoccuparmi delle dimensioni del mio didietro. La vita è corta ed è lì per essere vissuta», è il motto dell'attrice che a prescindere dal tempo che scorre e dai (presunti) chili di troppo ogni anno diventa sempre più affascinante ed elegante.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso