22 Settembre Set 2015 1210 22 settembre 2015

Una canzone è per sempre

Per l'ultima volta un marito 92 enne ha cantato alla moglie ricoverata in ospedale You’ll never know, simbolo della loro storia d'amore, durata 73 anni di matrimonio.

  • ...
17bb766b-69df-4e16-aacc-e6cc90721f60

Per 73 anni di matrimonio è stata la loro canzone d'amore. Così nel momento in cui lei, Laura 93 anni, è ormai vicina alla fine della sua vita, lui, Howard 92 anni, le ha cantato per l'ultima volta You’ll never know, una ballata degli anni ’40. Il video della dolce serenata è stato postato su Facebook dalla nipote della coppia, Erin Solari.

UN'ULTIMA PERFORMANCE
Howard cantava You’ll never know mentre combatteva durante la Seconda Guerra mondiale e cercava di superare la nostalgia di casa. Per la festa delle nozze d'oro Howard e Laura l'hanno intonata di fronte ad amici e parenti. Ora, mentre lei è ricoverata in ospedale ammalata, immobile e cieca a causa della degenerazione maculare, tocca a lui dimostrare ancora una volta le sue capacità canore. Con un filo di voce e senza smettere di accarezzare il viso e il collo della moglie, Howard ha cantato la loro canzone d'amore, mentre Laura commentava divertita la performance,«Yes, he likes me (Sì, gli piaccio)» o «Isn’t he sweet (Non è dolce)?».

LA VERSIONE DI ROSEMARY CLOONEY
Sulla propria pagina Facebook
, la nipote Erin ha raccontato e ripreso la commuovente storia d'amore giunta ormai alla fine.«Laura è in una struttura ospedaliera per i suoi ultimi giorni di vita. Ho avuto la fortuna di catturare questo prezioso momento di fusione dei loro cuori. Howard che le canta la loro canzone d'amore, la stessa che la confortò quando lui andò a combattere nella seconda guerra mondiale». Un dettaglio curioso: la canzone utilizzata nel video è la versione eseguita da Rosemary Clooney con Harry James. «La nostra famiglia preferisce questa versione perché tutti hanno sempre detto la nonna aveva una voce come Rosemary Clooney», ha spiegato Erin su Facebook.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso