7 Settembre Set 2015 1531 07 settembre 2015

Wannabe an artist

L'ex televenditrice, che finirà di scontare la condanna per associazione a delinquere finalizzata alla truffa a ottobre, si reinventa pittrice. E vende i quadri dipinti in carcere sui Navigli a Milano.

  • ...
vanna marchi

La chioma è quella di sempre, ma i tempi della tivù sono lontani. È tornata, Wanna Marchi. Questa volta in una veste insolita: quella di pittrice.
L'ex televenditrice, che a ottobre finirà di scontare in carcere la condanna a 9 anni e 6 mesi per associazione a delinquere finalizzata alla truffa, si è data all'arte. C’era anche lei domenica 6 settembre tra i pittori che hanno esposto le loro opere sulla riva del Naviglio Grande a Milano.

«IN CARCERE? NON SI IMPARA NIENTE»
«Opere allegre e colorate dipinte durante un periodo triste e privo di colori», le ha definite l'ex televenditrice. Quadri ovviamente in vendita: sono 340, tutti piccoli, «perchè in cella il tavolino era grande così», spiega la Marchi. Quando le hanno chiesto se le avessero insegnato a dipingere in carcere, ha risposto: «Macchè, ho fatto da sola. Quello è un inferno, non si impara niente».
Il prezzo? Si parte dai duecento fino ai 2 mila euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso