17 Agosto Ago 2015 1253 17 agosto 2015

Quando Trump ci provava con Diana

Il magnate statunitense aveva perso la testa per Lady D, portando avanti un corteggiamento serrato nei suoi confronti. Che la principessa però non gradiva affatto.

  • ...
US-VOTE-REPUBLICANS-DEBATE

Nel bene e nel male, ma soprattutto nel male, Donald Trump si sta rivelando il vero protagonista della corsa repubblicana alla Casa Bianca. I sondaggi, a metà agosto, lo danno come favorito tra i candidati alle primarie del partito dell'elefantino. D'altra parte, sa bene come attirare i riflettori dei media su di sé: basta spararle grosse. Le sue parole sono spesso offensive, volgari e quasi sempre sessiste. Nel suo passato non mancano gli scandali, come lo strano caso di stupro ai danni della ex moglie Ivana. Ora, grazie a una giornalista, è riemersa anche un'altra storia. La protagonista? Nientemeno che la principessa Diana.

«MI FA ACCAPPONARE LA PELLE»
A rivelare l'infatuazione di Donald per Lady D è stata la giornalista britannica Selina Scott, che negli Anni 90, come accaduto alla sua collega Megyn Kellyn solo pochi giorni fa, fu vittima dei volgari attacchi del magnate statunitense. La giornalista, in un articolo pubblicato dal Sunday Times, ha rivelato come le attenzione di Donald risalissero a ben prima che Diana Spencer e il principe Carlo si separassero. Dopo il divorzio, però, il corteggiamento si fece decisamente più insistente. Ai limiti dello stalking, dice qualcuno. Anche perché, stando a quanto scritto da Selina, il tutto non si limitava solo all'invio di costosi bouquet di fiori. A questi si accompagnavano infatti alcuni bigliettini che prospettavano una vita «sotto lo stesso letto». Diana, però, alla lunga cominciò a sentirsi inquieta e, a dir poco, infastidita. «Mi sta facendo accapponare la pelle», confidò la principessa all'amica giornalista.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso