3 Agosto Ago 2015 1211 03 agosto 2015

Funerali Bobbi Kristina, una lite da 20 milioni

Alle esequie della figlia di Whitney Houston, la zia Leolah Brown ha lanciato pesanti accuse e minacciato azioni legali contro la sorellastra della cantante. In ballo c'è un'eredità faraonica.

  • ...
Bobbi Kristina Brown Funeral

Bobbi Kristina non riesce a trovare pace nemmeno da morta. Durante il funerale del 1 agosto 2015 i parenti della 22enne figlia di Whitney Houston e del musicista Bobby Brown si sono accusati a vicenda minacciando azioni legali. Il motivo? Un'eredità da 20 milioni di dollari.

LA MORTE
Il 31 gennaio 2015, Bobbi Kristina era stata trovata senza conoscenza nella vasca da bagno della sua abitazione, in Georgia. Il compagno Nick Gordon aveva chiamato subito i soccorsi, ma ormai la giovane aveva smesso di respirare da tempo. Un lungo calvario durato sei mesi. Poi, il 26 luglio 2015, Bobbi è stata dichiarata cerebralmente morta.

L'ATTACCO
Già prima di entrare in chiesa, rivela il sito americano TMZ, la tensione era palpabile. Il nervosismo ha raggiunto il suo apice quanto Leolah Brown, sorella di Bobby, è stata allontanata dalla chiesa. La donna si sarebbe infuriata quando sul pulpito è salita Pat Houston, sorellastra di Whitney e tutrice legale di Kristina. Abbandonata la cerimonia, Leolah si è intrattenuta con i giornalisti attaccando Pat: «Le ho detto che Whitney la perseguiterà dalla tomba. Questa storia è appena cominciata. Abbiamo le prove di chi sia veramente Pat. Sarà un processo molto lungo. Le cose sono connesse. Pat è una falsa».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso