22 Luglio Lug 2015 1412 22 luglio 2015

«Nessuno mi ha preso a bottigliate»

Malika Ayane smentisce categoricamente quanto riportato dalla stampa riguardo a quanto avvenuto durante la trasmissione Parallelo Italia di Gianni Riotta che rilancia attaccando la sicurezza.

  • ...
Malika Ayane At RadioItaliaLive

Una bottiglia che vola sul palco e sfiora Malika Ayane. La cantante che fugge spaventata prima di esibirsi nel corso della trasmissione di Gianni Riotta Parallelo Italia. Il fatto che si ingigantisce sul web e viene riportato dalla stampa. Ma, a gettare acqua sul fuoco ci ha pensato proprio la 31enne artista milanese che sui social smentisce categoricamente l'accaduto.

ACQUA SUL FUOCO
«Nessuno mi ha preso a bottigliate come ho letto in giro, ho visto una bottiglia di plastica sfiorare Brando e ho visto contestatori e polizia correre, il pubblico dentro la transenna attonito e spaventato. Quando ho percepito un clima teso e surreale mi sembrava di estremo cattivo gusto rimanere sul palco a favore di camera. Nessuna indignazione, mi sentivo solo un filo fuori luogo. Se fossi rimasta lì a finire di fare il mio lavoro, forse non se ne sarebbe accorto nessuno», spiega Malika Ayane su Facebook.


L'ATTACCO DI RIOTTA
Di ben altro avviso Gianni Riotta. Il conduttore su Twitter ha più volte e duramente stigmatizzato l'accaduto. «Pensavamo di essere un think show siamo un fight show. Parallelo Italia si scusa con Malika Ayane per la violenza degli intolleranti».


Inoltre Riotta ha risposto via Twitter a Letteradonna chiarendo che il vero bersaglio del lancio della bottiglia non fosse Malika Ayane quanto piuttosto lo stesso conduttore.



LE INDAGINI
Le prime indagini sull'accaduto svolte dalla polizia hanno portato all'individuazione di tre persone: le due che avevano tentato di salire sul palco e quella che ha lanciato la bottiglietta d'acqua all'indirizzo della Ayane. I tre sono stati denunciati per manifestazione non autorizzata e interruzione di pubblico servizio, a cui si aggiunge un'accusa per violenza privata nei confronti dell'autore del lancio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso