21 Luglio Lug 2015 1532 21 luglio 2015

Presidenza Rai, le donne in corsa

Con Marinella Soldi attaccatissima alla poltrona di Discovery, spuntano altre candidature per la dirigenza di Viale Mazzini. Manager di livello, apprezzate anche all'estero: ecco chi sono le papabili.

  • ...
antonell4

Sembrava dovesse essere Marinella Soldi il nuovo volto della dirigenza Rai e in effetti è ancora in corsa. Ma la presidente e managing director di Discovery Sud Europa e ad di Discovery Italia ha ribadito più volte il suo 'grazie ma, no grazie'. E allora, anche se non c'è ancora nulla di certo, bisognerà pur pensare a candidature alternative. Ne spuntano fuori due: Patrizia Grieco, da maggio 2015 presidente del consiglio di amministrazione dell’Enel e Antonella Mansi, ex presidente Fondazione Mps. Manager di tutto rispetto, ma viene da chiedersi, qualcuna con esperienza televisiva no?

NON SOLO AFFARI
Patrizia Grieco sembra essere in pole position. Milanese classe 1952, si laurea in legge all’università Statale e inizia la carriera nel 1977 a Italtel, nel settore delle comunicazioni, alla direzione legale e affari generali. Da lì intraprende una scalata che la porta a diventare nel direttore del reparto proprio mentre la Siemens sta acquisendo il controllo dell’azienda, poi direttore generale e nel 2002 amministratrice delegata.  Nel curriculum anche una presenza notevole alla Olivetti, come Ad e presidente. Attualmente è consigliere di amministrazione di Fiat Industrial. Un impegno che va a braccetto con quello nel sociale: dal 2010 è consigliere di Save the Children.

DA GAVORRANO ALLA VICEPRESIDENZA DI CONFINDUSTRIA
Sul podio, ma per poco, la toscana Antonella Mansi, che con i suoi 41 anni è la più giovane delle tre e l'unica che non è arrivata alla laurea. Ex presidente della provincia di Firenze, ex presidente Fondazione Mps, è stata vice presidente di Confindustria ed è un' imprenditrice nel settore chimico. Cavaliere al merito della Repubblica Italiana, è entrata nel 2001 nell'azienda di famiglia, direttore commerciale della Nuova Solmine di Scarlino. Unico rimpianto sembra essere quello di non aver concluso il ciclo di studi.«Ho tradito le aspettative dei miei genitori e ho fatto un torto a me stessa. Ma ho sempre pensato che proprio non aver conseguito la laurea sia stato un motore fortissimo che ha alimentato una specie di voglia di riscatto. È come se non avendo la laurea ho voluto dimostrare di poter comunque raggiungere determinati risultati». 

IL VOLTO DIRIGENZIALE DEL GRUPPO ESPRESSO
Monica Mondardini, 55 anni e romagnola, che era stata data come possibile candidata fino a metà luglio ha invece fatto sapere tramite comunicato stampa di non essere interessata alla posizione. Non che non ne sarebbe stata all'altezza: laureata in scienze statistiche ed economiche all'Università di Bologna, ed è Amministratore delegato di Cir spa. Da poco ha assunto anche la presidenza della controllata Sogefi spa. È inoltre amministratore indipendente di tre rilevanti società quotate: Crédit Agricole Sa, Atlantia spa (la holding della famiglia Benetton che controlla Autostrade e Aeroporti di Roma) e Trevi Finanziaria Industriale. Nel 2014 è stata nominata personalità italiana dell’anno in Francia dall’Ambasciata e dalla Camera di Commercio francesi in Italia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso