15 Luglio Lug 2015 1209 15 luglio 2015

«Boicottate Rolling Stone»

La cantante irlandese Sinéad O'Connor accusa la popolare rivista di aver ucciso la musica dedicando una copertina a Kim Kardashian.

  • ...
FRANCE-MUSIC-FESTIVAL

«Che ci fa questa stronza sulla copertina di Rolling Stone? La musica è ufficialmente morta. Chi avrebbe mai potuto pensare che sarebbe stata assassinata da Rolling Stone? Simon Cowell e Louis Walsh non possono più farsi carico di tutte le colpe. Bob Dylan deve essere fottutamente inorridito». È il duro messaggio lanciato da Sinead O'Connor su Facebook, che mette sotto accusa la popolare rivista per aver dedicato una copertina a Kim Kardashian e al suo décolleté. A chiudere l'invettiva un hashtag che non lascia spazio a dubbi: #BoycottRollingStone.

NE HA PER TUTTI
Cowell e Walsh, citati nello status, sono due giudici di X Factor che la O'Connor aveva attaccato in passato perché, con il loro talent, avevano ucciso la musica. Ma in passato Sinéad se l'era presa anche con Miley Cyrus, o meglio, le aveva indirizzato una lettera aperta mettendola in guardia dal business dell'industria musicale e avvertendola che, a differenza dei suoi sfruttatori, genitori inclusi, lei avrebbe rischiato di finire la sua vita da sola in una clinica di riabilitazione. In queste ore l'hashtag lanciato dalla cantante si sta diffondendo rapidamente sui social. Come reagirà Rolling Stone?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso