7 Luglio Lug 2015 1122 07 luglio 2015

Mannoia vs Libero: «Stravolte le mie parole»

Il quotidiano riporta il pensiero che la cantante ha affidato a Letteradonna.it in una recente intervista. Lei replica su Facebook punto per punto.

  • ...
fiorella-mannoia-620x350

Hanno colpito nel profondo le parole che Fiorella Mannoia ha voluto affidare a Letteradonna.it in unarecente intervista . Come sale su una ferita aperta e difficile da chiudere, perché l'emergenza immigrati chiama in causa l'intera Europa e soluzioni 'facili' non ne sono mai esistite. Ciò che ognuno di noi può fare è 'restare umano', in ogni circostanza: non farsi insensibile alla notizia dei centinaia di morti in mare, non pensare che una ragazza stuprata 'se la sia cercata'. Un punto che la cantante ha tenuto a sottolineare nell'intervista poi ripresa dal quotidiano Libero nell'articolo presumibilmente intitolato: «L'ultimo insulto della Mannoia. Stavolta ce l'ha con gli italiani: 'Sono tutti senza pietà'», poi modificato in: «Immigrati, Fiorella Mannoia contro gli italiani: 'Sono senza pietà'». E alla quale l'artista ha replicato sulla sua pagina Facebook.

UNA POSIZIONE «BUONISTA»
«L'immigrazione è un problema internazionale, ma Fiorella Mannoia punta il dito contro gli italiani che secondo lei non sono accoglienti. In un'intervista a Letteradonna.it la cantautrice, durante il Festival letterario Caffeina, a Viterbo, parla degli sbarchi. 'Ora stiamo affrontando una situazione drammatica, un esodo biblico che non possiamo sostenere da soli. In qualche modo ci devono aiutare, altro che chiudere le frontiere. Quello che mi addolora di molti connazionali è la mancanza di pietà. Il problema c’è e va affrontato, ma non possiamo dimenticare la compassione che significa dividere il dolore degli altri in maniera sincera. Solo uniti ce la possiamo fare'», scrive il quotidiano, che chiama in causa anche Gianni Morandi, 'reo' di aver tenuto una posizione che il giornate definisce 'buonista' sugli immigrati.

«LA MANCANZA DI PIETÀ UMANA MI FA SPAVENTO»
«Quello che io contesto non sono le persone che dicono  'chiudiamo le frontiere' ma quelle persone che di fronte a 700 morti dicono 'Forza mare' o 'Bruciamoli nei forni' o di fronte a bambini che galleggiano senza vita dicono 'Meglio così, un immigrato in meno' o amenità di questo tipo, che sono gli stessi che di fronte allo stupro di una ragazzina dicono 'Se l'è cercata' o di fronte al pestaggio di un omosessuale dicono 'hanno fatto bene'. Di questi insulti alla compassione e alla pietà è pieno in web e anche la mia pagina. E questa mancanza di pietà umana mi fa spavento», ha replicato Mannoia nel suo post. «Si può discutere sul 'Non li vogliamo' ma non si può discutere sul trattare poveri esseri umani disperati con frasi di questo tipo. Questo era il senso delle mie parole», ha precisato.

CONTRO LIBERO
In chiusura la stoccata al quotidiano Libero: «Quando ero piccola ( molto tempo fa) le buste di plastica non esistevano e i secchi della spazzatura si foderavano con i giornali, ecco forse per alcuni ancora oggi è l'uso migliore si possa fare».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso