2 Luglio Lug 2015 1342 02 luglio 2015

Generale. La prima d'Inghiterra

Chi è Sharon Nesmith, la prima donna a ricoprire questa posizione nell'esercito di Sua Maestà. Ha circa 40 anni, comanda 5 mila uomini ma non ha rinunciato a casa e famiglia.

  • ...
sharon nesmith

Circa 40 anni, sposata, due figli, nel tempo libero ama sciare, correre e andare in bicicletta. Segno particolari: è stata nominata generale di brigata. Ed è la prima donna a ricoprire questo ruolo nell'esercito britannico. Sharon Nesmith è entrata nelle forze militari del suo Paese nel 1992, ed è stata promossa a capo dei circa 5 mila soldati di prima linea della 1 ° Signal Brigade. E quanto questo passo sia importante  è stato ricordato anche dal ministro della Difesa Michael Fallon:«Nel 2015 46.456 soldati britannici sono stati coinvolti in operazioni in 40 Paesi. Ma non possiamo aspettarci che le minacce che abbiamo di fronte diminuiscano. Per questo dobbiamo lavorare meglio e le promozioni all'interno dell'esercito devono essere determinate solo dalle capacità. Le donne sono diventate pilote di elicotteri d'attacco e, nel caso di Sharon Nesmith, comandano la propria brigata». Il tutto rientra in un'operazione di 'pari opportunità' che sta aprendo anche alle soldatesse ruoli nei posti di comando e, dal 2016, anche la prima linea di combattimento.

UNA CARRIERA BRILLANTE
Nesmith, che è sposata con un arborista, ha trascorso i primi anni della sua carriera in Germania nell' Electronic Warfare Regiment, per poi passare a Royal Corps of Signal, che si occupano di stabilire le comunicazioni nei campi di battaglia.  Tre volte  in missione nei Balcani, nel 2010 ha comandato uno squadrone all'interno dell'operazione segreta Telic 10 in Iraq. È stata al vertice del 22 esimo Reggimento Trasmissioni e poi è stata promossa colonnello. Nel 2012, la 'collega' Nicky Moffat, dopo 26 anni di servizio, era arrivata vicinissima alla posizione ricoperta adesso dalla Nesmith. Fu lei stessa a rinunciare alla carica, pochi giorni prima che il governo annunciasse il taglio del numero di soldati da  100 mila a 82 mila unità entro il 2020.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso