22 Giugno Giu 2015 1405 22 giugno 2015

Anche il Senato premia Marco

Le parole dei suoi testi sono fonte di ispirazione per i più giovani. Grasso: «Se ti candidassi alle elezioni, rischieresti anche di vincerle».

  • ...
<<enter caption here>> on March 7, 2015 in Milan, Italy.

Sanremo, X Factor, i vari dischi d'oro e di platino non erano abbastanza. Anche il Senato ha voluto premiare Marco Mengoni. Perchè le parole dei suoi testi sono fonte di ispirazione per il suo giovane pubblico e spingono i fan a ragionare su questioni importanti della vita. A consegnargli il riconoscimento, il 22 giugno, è stato Vincenzo Spadafora, garante nazionale per l’infanzia e l’adolescenza, in occasione della relazione annuale al Parlamento.

GRASSO: «SE TI CANDIDASSI RISCHIERESTI DI VINCERE»
Il cantante ha ricevuto anche i complimenti del presidente del Senato, Pietro Grasso, che durante il suo discorso d’introduzione ha dichiarato, ironicamente: «Vieni premiato qui dopo avere vinto le ‘primarie’ di X Factor. Se ti candidassi alle elezioni, rischieresti anche di vincerle». Inoltre Grasso ha omaggiato Mengoni citando anche Essere umani, una delle sue canzoni: «È fondamentale il coraggio di essere uomini».

IL PIÙ POPOLARE TRA GLI ADOLESCENTI
La stima professionale, la simpatia, la carica umana e sociale delle sue canzoni sarebbero le maggiori motivazioni che hanno convinto Spadafora a riconoscere l’importanza di Mengoni da un punto di vista umano, oltre che artistico. Non stupisce, in fondo, il fatto che una ricerca commissionata dall’Authority a Blog Meter e compiuta su 75 personaggi particolarmente popolari tra gli adolescenti, abbia messo in luce il fatto che Marco sia quello maggiormente seguito, con una reputazione migliore e una più forte capacità di coinvolgere il pubblico.

CANZONI CHE SPINGONO AD ESSERE SE STESSI
Inoltre le sue canzoni creerebbero un sentimento positivo negli animi di chi lo ascolta. E spesso si tratta proprio di adolescenti, persone che attraversano un periodo particolare della propria vita, caratterizzato dalla difficoltà nell’accettare se stessi e gli altri. Basta pensare a brani come Se sei come sei o, appunto, Esseri umani per capire quanto queste canzoni possano aiutare i ragazzi a trovare uno spunto di riflessione. Si tratta di veri e propri inviti ad essere sempre coerenti con se stessi, a buttare giù la maschera che la società cerca di imporre, messaggi essenziali per tutti e in particolar modo per i giovani. «Mengoni è un simbolo e un punto di riferimento per molti ragazzi anche perché ha utilizzato la sua popolarità in Rete in modo responsabile. Pronti a correre insieme!», ha spiegato Spadafora. Un successo trasversale quello del cantante 26enne. Tanto che è recentemente finito nell’omelia del monsignore Antonio Staglianò.

LO STUPORE DI MARCO
«Mi stupisce un po’ perché per me è normale e naturale vivere di questi messaggi, mettere questo nella mia musica e nei miei testi. Continuerò a vivere come ho sempre fatto, e come i miei genitori e le persone che ho incontrato mi hanno insegnato a fare. L’unica parola che uso oggi è grazie», ha detto Marco Mengoni, ricevendo il premio creato dall’artista Claudio Franchi, un pentagramma in cui sono scomposte le lettere della parola ‘Ascoltare’.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso